OSSERVATORIO POLITICHE ENERGETICO-AMBIENTALI
REGIONALI E LOCALI

CAMPANIA

Home

Mappa

Contatti


Bilanci energetici regionali (dal Rapporto sull'efficienza energetica 2016 pubblicato dall'ENEA nel Giugno 2016)

FONDI STRUTTURALI 2014-2020: DOCUMENTO STRATEGICO REGIONALE, PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FESR 2014-2020, RAPPORTI ANNUALI DI ESECUZIONE, BANDI

FONDI STRUTTURALI 2007-2013: DOCUMENTO STRATEGICO REGIONALE, PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FESR 2007-2013, RAPPORTI ANNUALI DI ESECUZIONE, BANDI

INTERVENTI REGIONALI
29/05/2017  -  Pubblicato sul BUR della Regione Campania un bando per la concessione di contributi a favore delle Piccole e Medie Imprese per la realizzazione di un piano di investimento aziendale di efficientamento energetico. Il bando, in attuazione del Programma regionale approvato con la Delibera n. 529 del 4/10/2016 e dell'obiettivo specifico 4.2. del POR Campania 2014-2020, disciplina la concessione di contributi per la realizzazione di Piani di investimento aziendali per l'efficientamento energetico a favore di PMI con unità locale in Campania. Il contributo in conto capitale a fondo perduto è concesso in regime "de minimis" ai sensi del Regolamento (UE) n. 1407 del 18 dicembre 2013. La tipologia di azioni ammissibili a contributo, da realizzarsi in una o più delle sedi operative (fino a un massimo di 10 sedi) situate nel territorio della Regione Campania, sono: Azione A - Realizzazione di una diagnosi energetica conforme ai requisiti previsti dall'Allegato 2 del Decreto Legislativo n. 102/2014; Azione B - Realizzazione di almeno un intervento di efficientamento energetico con tempo di ritorno economico inferiore o uguale a quattro anni, previsti dalla diagnosi energetica; Azione C - Adozione del sistema di gestione dell'energia (SGE) conforme alla norma ISO 50001. L'intensità massima di aiuto concedibile è pari al 50% dei costi ammissibili del Piano di investimento aziendale. Sono ammissibili esclusivamente i Piani di investimento aziendale con un importo uguale o superiore a € 50.000. La dotazione del Bando ammonta a € 7.149.200,00, di cui € 2.149.200 per le Azioni A e C e € 5.000.000 per l'Azione B.

20/03/2017  -  Pubblicato sul sito internet del Ministero dello sviluppo economico, nell'ambito del PON "Imprese e Competitività" 2014-2020 FESR, ASSE IV, AZIONE 4.3.1., un Bando di incentivazione di infrastrutture elettriche per la realizzazione di reti intelligenti di distribuzione dell'energia (smart grid) nei territori delle Regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia). Le risorse disponibili ammontano complessivamente a euro 80.000.000. Possono beneficiare delle agevolazioni di cui al presente decreto i concessionari del pubblico servizio di distribuzione dell'energia elettrica nelle aree interessate.  Sono ammissibili alle agevolazioni i progetti che prevedono la realizzazione di interventi di costruzione, adeguamento, efficientamento e potenziamento di infrastrutture elettriche per la distribuzione (smart grid) finalizzati ad incrementare direttamente la quota di fabbisogno energetico coperto da generazione distribuita da fonti rinnovabili. Le agevolazioni di cui al presente bando sono concesse nella forma della sovvenzione diretta, nei limiti dell'intensità massima stabilita dall'articolo 48 del Regolamento GBER, fino al 100% dei costi di investimento ammessi. L'ammontare dell'agevolazione concedibile a ciascuna impresa, per ciascun progetto, non può essere inferiore a euro 1.000.000 e non superiore a euro 50.000.000.


10/10/2016  -  Approvato dalla Regione Campania, con Delibera della Giunta Regionale n. 529 del 4 ottobre 2016, il Programma Regionale per sostenere la realizzazione di diagnosi energetiche o l'adozione di sistemi di gestione conformi alle norme ISO 50001 da parte delle PMI che non ricadono negli obblighi di cui all'art. 8, comma 3 del D.Lgs. 102/14, di cui all'Avviso pubblico del MiSE di concerto con il MATTM del 04/08/2016. Il budget complessivo è di euro 2.388.000. Il contributo è finalizzato a coprire il 50% delle spese ammissibili per la realizzazione di diagnosi energetiche o per l'adozione del sistema di gestione ISO 50001 in ognuna delle sedi operative campane in cui svolge la propria attività la PMI, fino ad un massimo di 10 sedi operative. Le spese ammissibili non saranno considerate oltre l'importo di: € 10.000 al netto dell'iva per ciascuna diagnosi energetica; € 20.000 al netto dell'iva per ciascuna adozione del sistema di gestione ISO 50001. Pertanto, il contributo massimo che potrà essere riconosciuto sarà di: € 5.000 per ogni diagnosi energetica; € 10.000 per ogni adozione del sistema di gestione ISO 50001.  La Regione Campania assicura l'integrazione degli obiettivi di cui all'Avviso Pubblico del MISE del 4 Agosto 2016 con l'agevolazione degli interventi di efficientamento energetico realizzati tra quelli suggeriti dalle diagnosi. A tal fine, in aggiunta alle risorse disponibili per il Programma, sono stanziate ulteriori risorse a valere sull'Asse 4 del POR FESR Campania 2014/20, per un totale di euro 5.000.000.

15/02/2016  -  Emesso dalla camera di Commercio di Avellino un bando per la concessione di contributi alle PMI per l'adozione di interventi di risparmio energetico. Le risorse finanziarie disponibili ammontano a euro 150.000. I contributi sono erogati in regime de minimis. Il contributo accordato a ciascuna impresa richiedente sarà pari al 50% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di euro 3.000. Il contributo è concesso per: acquisto ed installazione di corpi illuminanti LED; acquisto ed installazione di sistemi di gestione intelligente dei corpi illuminanti; acquisto ed installazione di sistemi di rifasamento degli impianti elettrici; acquisto ed installazione di dispositivi di contabilizzazione dei consumi elettrici; relazione tecnica redatta da tecnico abilitato ed iscritto ad ordine professionale.

09/11/2015  -  Pubblicata sul BUR della Regione Campania la Delibera della Giunta Regionale n. 529 del 03/11/2015: Approvazione programma regionale per sostenere la realizzazione di diagnosi energetiche o l'adozione di sistemi di gestione conformi alle norme iso 50001 da parte delle PMI che non ricadono negli obblighi di cui all'art. 8, comma 3 del d.lgs. 102/14, di cui all'avviso pubblico del Ministero dello sviluppo economico di concerto con il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare del 12/05/2015. Le risorse regionali disponibili ammontano a 1,194 milioni di euro, dei quali il 90% per le diagnosi energetiche ed il resto per interventi di sensibilizzazione delle PMI. L'aiuto è pari al 25% delle spese ammesse fino ad un massimo di 5.000 € per le diagnosi energetiche e di 10.000 € per l'adozione di sistemi di gestione conformi alle norme iso 50001.

15/09/2015  -  Sviluppo Campania promuove due avvisi al fine di selezionare idee innovative per migliorare la qualità dei servizi delle città campane e la fruizione turistica nell'area di Pompei, con l'intento di trasformarle in vere e proprie iniziative di impresa di successo. Si tratta di "Creative Clusters Smart Cities" e "Creative Clusters Beni Culturali e Turismo". Creative Clusters Smart Cities è realizzato in partnership con il Ministero dello Sviluppo Economico e i Distretti e i Laboratori ad Alta Tecnologia presenti in Campania. I settori di riferimento di Creative Clusters Smart Cities sono: energie rinnovabili ed efficienza energetica, mobilità alternativa, risorse naturali, broadband, smart health, smart education, smart government, smart culture & travel, smart security. L'iniziativa è finanziata dal POR FESR 2007/2013 della Regione Campania, Obiettivo Operativo 2.1. Creative Clusters Smart Cities è rivolto a: 1. Persone fisiche; 2. Startup.


11/08/2014  -  Emesso nell'ambito del POR FESR 2007/2013 un invito alla presentazione di proposte progettuali riguardanti interventi per sostenere l'innovazione tecnologica per il potenziamento e l'ottimizzazione delle reti elettriche di bassa, media ed alta/altissima tensione finalizzati al risparmio energetico, all'integrazione delle FER ed all'efficientamento delle reti. Le risorse finanziarie disponibili sono pari a 35 milioni di euro. I soggetti beneficiari sono le imprese concessionarie dei servizi di trasmissione e di distribuzione dell'energia elettrica operanti sul territorio della Regione Campania. Gli investimenti ammissibili sono quelli relativi alla creazione o ammodernamento di infrastrutture di distribuzione e di trasmissione energetiche , che consentano di: a. aumentare la quantità di energia elettrica erogabile in entrambe le suddette reti dagli impianti alimentati da fonte rinnovabili; b. prevenire la formazione di colli di bottiglia nelle interconnessioni tra rete di trasmissione e rete di distribuzione; c. ottimizzare il trasporto e la distribuzione di energia elettrica; d. aumentare la capacità di trasferimento, da un punto all'altro delle rispettive reti e tra le reti stesse, di tutte quelle informazioni indispensabili per il corretto svolgimento dell'attività di gestione attiva delle reti elettriche e di dispacciamento. Sono ammissibili progetti di ammontare minimo pari a un milione di euro. Per la realizzazione degli interventi è previsto un contributo pubblico in conto capitale il cui importo non può superare la differenza tra i costi ammissibili, rappresentati dai costi di investimento ritenuti ammissibili, e il risultato operativo dell'investimento, come previsto dall'art.48 del Reg. (UE) 651-2014.

24/03/2014  -  Con Decreto Dirigenziale n. 201 del 20/03/2014 è stato approvato dalla Regione Campania, un bando per la realizzazione di impianti per la produzione di energia rinnovabile a servizio di edifici di proprietà di AASSLL, AASSOO, CONSORZI DI BONIFICA E CONSORZI ASI ed alla realizzazione di interventi di efficientamento energetico degli edifici pubblici di proprietà dei medesimi enti. Le risorse finanziarie disponibili provenienti dal POR FESR 2007/2013 obiettivi operativi 3.1 e 3.3, ammontano a complessivi 20 milioni di euro, di cui
sei milioni per l'obiettivo operativo 3.1 "Offerta energetica da fonte rinnovabile" e  quattordici milioni per l'obiettivo operativo 3.3 "Contenimento ed efficienza della domanda". Per la realizzazione degli interventi è previsto un contributo pubblico in conto capitale la cui entità è pari al 100% della spesa ammissibile. Con riferimento all'obiettivo 3.1 potranno essere realizzati, su uno o più immobili di proprietà del beneficiario: Impianti solari fotovoltaici; Impianti solari termici e/o di solar cooling; Impianti solari a concentrazione in grado di soddisfare in tutto e/o in parte i fabbisogni energetici dell'utenza. Con riferimento all'obiettivo 3.3 potranno essere realizzati, su uno o più immobili di proprietà del beneficiario: interventi sull'involucro degli edifici al fine di promuovere l'efficienza energetica e il risparmio energetico; interventi di ristrutturazione e sostituzione di impianti generali, elettrici e/o degli impianti di riscaldamento e raffrescamento convenzionali con eventuale e connessa realizzazione di impianti di cogenerazione ad alto rendimento e/o impianti geotermici con pompe di calore geotermiche a bassa entalpia al fine di promuovere l'efficienza energetica e il risparmio energetico.

02/09/2013  -  Pubblicato sul BUR della Regione Campania due bandi nell'ambito del POR FESR 2007/2013 relativi a: A) bando per la presentazione di istanze per la realizzazione di interventi finalizzati alla realizzazione di impianti per la produzione di energia rinnovabile a servizio di edifici di proprietà dei comuni ed alla realizzazione di interventi di efficientamento energetico degli edifici di proprietà dei comuni; B) bando per i piccoli e medi comuni aventi sede nella regione campania per la presentazione di istanze per la redazione dei PAES. Per il bando di cui al punto A la dotazione finanziaria è di 45 milioni di euro mentre per quello di cui al punto B è di 5 milioni di euro. Per la realizzazione degli interventi è previsto un contributo pubblico in conto capitale la cui entità è pari al 100% della spesa ritenuta ammissibile. Con riferimento al bando di cui al punto A potranno essere realizzati: Impianti solari fotovoltaici; Impianti solari termici e/o di solar cooling; Impianti solari a concentrazione; Interventi sull'involucro degli edifici al fine di promuovere l'efficienza energetica e il risparmio energetico; Interventi di ristrutturazione e sostituzione di impianti generali, elettrici e/o degli impianti di riscaldamento e raffrescamento convenzionali con eventuale e connessa realizzazione di impianti di cogenerazione ad alto rendimento e/o impianti geotermici con pompe di calore geotermiche a bassa entalpia al fine di promuovere l'efficienza energetica e il risparmio energetico. Con riferimento al bando di cui al punto B possono essere realizzati interventi finalizzati alla programmazione di azioni per la riduzione di emissioni climalteranti da parte dei comuni della Regione Campania, attraverso la redazione e l'adozione dei Piani d'Azione per l'Energia Sostenibile (PAES).


26/08/2013  -  Con Delibera della Giunta Regionale della regione Campania, è stato approvato il Programma "Energia efficiente -  Piano per promuovere e sostenere l'efficienza energetica della Regione Campania.  Il Programma, finanziato dall'Asse 3 del POR FESR Campania 2007/2013, prevede interventi per 115 milioni di euro.  Sono previsti:
A) interventi finalizzati alla realizzazione di impianti per la produzione di energia rinnovabile a servizio di edifici di proprietà delle amministrazioni locali, delle AASSLL, delle AASSOO e dei Consorzi di Bonifica aventi sede nella Regione Campania e dei nodi regionali (stazioni-depositi-officine-uffici) e della rete del Sistema di Metropolitana Regionale (SMR), per una dotazione finanziaria massima pari ad e 25 milioni al lordo di IVA, a valere sulle risorse del PO FESR Campania 2007/2013, O.O. 3.1, azione "A, D, E", individuando quali beneficiari finali i Comuni, le AASSLL, le AASSOO e dei consorzi di bonifica della Regione Campania nonché la Regione stessa, tramite propri Enti strumentali, Società partecipate e/o Aziende di trasporto che operano nel settore del TPL ferroviario campano;
B) interventi integrati di adesione dei Comuni di piccole e medie dimensioni all'iniziativa del Patto dei Sindaci e di efficientamento energetico degli edifici pubblici di comuni, AASSLL, AASSOO e aree di sviluppo industriale e dei nodi regionali (stazioni-depositi-officine-uffici) e della rete del Sistema di Metropolitana Regionale (SMR) capaci di adottare un approccio organico alla riqualificazione energetica, per una dotazione finanziaria massima pari ad e 55 milioni al lordo di IVA, a valere sulle risorse del PO FESR Campania 2007/2013, O.O. 3.3, azione "A", individuando quali beneficiari finali i Comuni, i Consorzi di Sviluppo Industriale, le AASSLL e le AASSOO della Regione Campania nonché la Regione stessa, tramite propri Enti strumentali, Società partecipate e/o Aziende di trasporto che operano nel settore del TPL ferroviario campano;
C) interventi integrati di efficientamento delle reti di bassa, media alta/altissima tensione della Regione Campania finalizzati al risparmio energetico ed all'integrazione delle stesse con impianti di produzione di energia elettrica da FER per una dotazione finanziaria massima pari ad e 35 milioni al lordo di IVA, a valere sulle risorse del PO FESR Campania 2007/2013, O.O. 3.2, azione "A", individuando quali beneficiari finali i concessionari delle reti elettriche della Regione Campania nonché la Regione stessa, tramite propri Enti strumentali, Società partecipate e/o Aziende di trasporto che operano nel settore del TPL ferroviario campano;


07/05/2013  -  Pubblicata sul BUR della Regione Campania la legge regionale n. 5 del 2013: "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale 2013 e pluriennale 2013 - 2015 della regione Campania (legge finanziaria regionale 2013)". Il comma 108 dell'art.1 prevede che sono sottoposti alla procedura abilitativa semplificata, di cui all'articolo 6 del decreto legislativo 28/2011, gli impianti di potenza inferioe a 1 MW termici con sonde geotermiche, sia essa verticale od orizzontale, che si sviluppa per una profondità non superiore a 200 metri dal piano di campagna e dista planimetricamente, da ogni suo punto, non meno di 200 metri dal perimetro delle concessioni di acque termominerali e piccole utilizzazioni locali con prelievo di acqua sottoposte alla legge regionale 8/2008. La legge abroga gli articoli 4, 5, 8 e il comma 2 dell'articolo 11 della legge regionale 18 febbraio 2013, n. 1 (Cultura e diffusione dell'energia solare in Campania).

25/02/2013  -  Pubblicata sul BUR della Regione Campania la Legge regionale n. 1 del 18 febbraio 2013: "Cultura e diffusione dell'energia solare in Campania". La Regione Campania si propone i seguenti obiettivi: coprire con la fonte solare una quota del consumo energetico del 10% al 2013, del 30% al 2016 e del 60% al 2021. La Regione Campania: a) sceglie il sole come sua primaria fonte di energia; b) promuove la diffusione dell'energia solare nelle sue diverse forme e tecnologie su tutto il territorio; c) attua piani ed iniziative per la progressiva sostituzione degli impieghi di energia fossile con l'energia solare; d) attua piani ed iniziative per l'uso razionale dell'energia e per il risparmio energetico; e) incentiva particolarmente la produzione di energia solare su aree già cementificate o comunque non più verdi con un loro uso plurimo, individuando in tali aree il primo percorso fondamentale per i piani solari; f) individua nella diffusione, nella ricerca e nella produzione tecnologica dell'energia solare uno dei campi centrali per il suo sviluppo e per il lavoro; g) attiva iniziative politiche ed istituzionali con le altre regioni italiane, con altri Paesi europei e del Mediterraneo per la cooperazione nella ricerca e nello scambio di tecnologie e produzioni solari; h) promuove lo sviluppo del solare, nel pieno rispetto di ogni vincolo ambientale e storico culturale.


11/07/2011  -  Pubblicata su BUR della Regione Campania la Legge Regionale n. 11 del 2011:"Disposizioni urgenti in materia di impianti eolici". 

18/04/2011  -  Con Delibera n. 122 del 2011 della Giunta Regionale della Campania è stato approvato, nell'ambito delle attività previste dal POR FESR, l'elenco dei Grandi Progetti e Grandi Programmi e le schede descrittive. Tra i Grandi Progetti previsti uno riguarda l'Asse 3 (Energia) dal titolo: La Campania delle energie alternative e delle fonti rinnovabili. Tale Progetto è finanziato con fondi POR FESR per 150 Mln di € e per ulteriori 200 Mln di € con fondi privati.
Il GP punta principalmente a realizzare: A) il consolidamento delle vocazioni territoriali in campo energetico con la predisposizione di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e di un sistema elettrico in grado di recepire, con la realizzazione sostenibile di impianti per la produzione e di infrastrutture per l'accumulo e la regolazione, la produzione di energia proveniente da fonti non programmabili (rinnovabili); B) le pre-condizioni per la realizzazione di nuovi impianti di energie rinnovabili; C) il potenziamento dei settori strategici dell'industria dell'energia e dei servizi energetici attraverso l'attrazione di nuovi investimenti che si attiveranno con tale iniziativa e con la promozione dell'innovazione scientifica e tecnologica nel campo dell'energia.

15/06/2010  -  Emesso un bando, congiuntamente dal MIUR e dal MATTM, per l'incentivazione di interventi finalizzati alla riqualificazione degli edifici scolastici pubblici in relazione all'efficienza energetica, alla messa a norma degli impianti, all'abbattimento delle barriere architettoniche, alla dotazione di impianti sportivi e al miglioramento dell'attrattività degli spazi scolastici. L'ammontare complessivo di risorse disponibili per le quattro Regioni dell'Obiettivo Convergenza (Calabria, Campania, Puglia, Sicilia) è pari a 220 Mln di  €, derivanti dal PON "Ambienti per l'apprendimento" e da 20 Mln di  €  dall'Asse II attività 2.2 del POIN "Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico".  Gli interventi finanziati dal PON "Ambienti per l'apprendimento" sono vari e tra questi quelli riguardanti l'energia sono: Isolamenti termici, Impianti fotovoltaici, Interventi per il risparmio energetico, Centrale termica.  Gli interventi finanziati dal POIN "Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico" riguardano esclusivamente interventi in materia di energia e sono: Analisi delle prestazioni energetiche degli edifici, degli impianti e degli apparecchi, Miglioramento delle prestazioni di impianti e apparecchi, Efficientamento energetico dell'involucro.

26/01/2010  -  Pubblicata sul BUR della Regione Campania la Legge Regionale n. 2/2010 che contiene: "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Campania - Legge Finanziaria anno 2010". L'art. 1 comma 2 prevede: "Nel rispetto dei principi di sussidiarietà, ragionevolezza e leale collaborazione e in assenza di intese con lo Stato in merito alla loro localizzazione, il territorio della regione Campania è precluso all'installazione di impianti di produzione di energia elettrica nucleare, di fabbricazione e di stoccaggio del combustibile nucleare nonché di depositi di materiali radioattivi".


06/04/2009  -  Approvate dalla Regione Campania, con delib. della GR n. 500/2009, le nuove linee guida per lo svolgimento del procedimento di autorizzazione unica relativo alla costruzione e all'esercizio di impianti di produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili.

18/08/2008  -  Stanziati dalla Giunta Regionale Regione Campania un miliardo di euro a valere sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) per finanziare 357 progetti selezionati attraverso il Parco Progetti Regionale e rilevanti progetti per il settore turistico. Al settore energia (impianti fotovoltaici) sono destinati 74 milioni di euro per 40 progetti.

14-04-2008  -  Stipulato un Accordo di programma tra la Regione Campania, la Provincia di Benevento e l'Università del Sannio, per promuovere lo sviluppo sostenibile nel settore energetico attraverso la realizzazione sul territorio della Provincia di Benevento di un polo di eccellenza per la filiera delle energie alternative e di quella fotovoltaica in particolare.


NORMATIVA IN MATERIA DI ENERGIA

23/02/2017  -  Pubblicato sul BUR della Regione Campania la Delibera della Giunta Regionale n. 89 del 21/02/2017: "Disegno di legge "norme in materia di impianti termici e di certificazione energetica degli edifici"". Con tale delibera viene approvato il Disegno di legge ed inviato al Consiglio regionale per l'approvazione definitiva. Il presente Disegno di legge nasce dall'esigenza di dotare la Regione Campania di una norma quadro sulla tematica dell'efficienza energetica degli edifici, sia con riferimento agli Attestati di Prestazione Energetica (APE) che agli Impianti Termici Civili per la climatizzazione invernale ed estiva, in armonia con le normative nazionali. Le norme contenute in questo disegno di legge prevedono l'istituzione del Catasto Energetico Regionale articolato nel Catasto regionale degli Impianti Termici e nel Catasto regionale degli attestati di prestazione energetica.

21/11/2016  -  Pubblicato sul BUR della Regione Campania la Delibera della Giunta Regionale n. 533 del 4 ottobre 2016: "Criteri per la individuazione delle aree non idonee all'installazione di impianti eolici con potenza superiore a 20 KW, ai sensi del comma 1 dell'art.15 della Legge Regionale 5 aprile 2016 n. 6". Le aree non idonee alla realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonte eolica di potenza superiore a 20 KW, sono individuate sulla base di due parametri: 1) Concentrazione di impianti di produzione da fonti rinnovabili esistenti; 2) Aree di tutela per tutti gli altri casi. Non sono idonee all'istallazione di nuovi impianti eolici le aree situate in Comuni il cui "carico insediativo medio comunale" supera di 5 volte il "carico insediativo medio regionale". L'elenco dei Comuni "saturi" e, pertanto, non idonei all'installazione di impianti di produzione da fonti rinnovabili è aggiornato con cadenza annuale. I Comuni, interessati dalla possibilità di insediamenti eolici assoggettati alla Procedura abilitativa semplificata, entro il termine di 90 giorni dall'adozione del presente atto e prima del rilascio di nuove autorizzazioni all'istallazione, devono procedere all'approvazione del Piano Energetico Comunale.

21/11/2016  -  Pubblicato sul BUR della Regione Campania la Delibera della Giunta Regionale n. 532 del 4 ottobre 2016: Approvazione degli "indirizzi per la valutazione degli impatti cumulativi di impianti di produzione di energia elettrica da fonte eolica di potenza superiore a 20 kW", ai sensi del comma 2 dell'art.15 della Legge Regionale 5 aprile 2016 n. 6.


31/10/2016  -  Pubblicato sul BUR della Regione Campania il Decreto Dirigenziale n. 51 del 26.10.2016 - Misure di conservazione dei SIC (Siti di importanza comunitaria) per la designazione delle ZSC (Zone speciali di conservazione) della RETE NATURA 2000 della Regione Campania. Il decreto prevede che in tutto il territorio dei SIC la produzione di energia elettrica con turbina eolica a pala rotante è consentita esclusivamente con impianti inferiori a 20 kW.

05/04/2016  -  Con Legge regionale n. 6 del 5 aprile 2016, art. 15, è stata disposta nella Regione Campania la sospensione del rilascio di nuove autorizzazioni per impianti eolici nel territorio regionale. Ciò in attesa che entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, con delibera di Giunta regionale, tenendo conto della concentrazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili esistenti, sono stabiliti i criteri e sono individuate le aree non idonee alla realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonte eolica di potenza superiore a 20 kW, di cui al paragrafo 17 del decreto del Ministero dello sviluppo economico 10 settembre 2010, n. 47987.

10/08/2015  -  Con Decreto Dirigenziale n. 119 del 05/08/2015, viene approvata nella Regione Campania, la disciplina delle garanzie per la rimessa in pristino dei luoghi al termine della vita degli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.

Delibera della Giunta Regionale n. 80 del  28/03/2014: Disciplina di completamento in materia di autorizzazioni di cui all'art. 12 del d.lgs. 387/2003.

Delibera della Giunta Regionale n. 325 del 08/08/2013:
Disciplina di completamento in materia di autorizzazioni energetica.

Decreto Dirigenziale n. 516 del 26/10/2011: Autorizzazione alla costruzione e all'esercizio di impianti di produzione di elettricita' da fonti rinnovabili. criteri procedurali.

Legge regionale n. 1 del 30/01/2008: Legge finanziaria 2008. Disposizioni in materia di energia agli artt. 20, 54, 65, 66. Bollettino ufficiale della regione Campania n. 5 del 4 febbraio 2008.

Delibera n. 1955 del 30/11/2006: Linee guida per lo svolgimento del procedimento unico relativo alla installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile.

Legge regionale n. 12 del 25-07-2002: Norme per il contenimento dell'inquinamento luminoso e del consumo energetico da illuminazione esterna pubblica e privata a tutela dell'ambiente, per la tutela dell'attività svolta dagli osservatori astronomici professionali e non professionali e per la corretta valorizzazione dei centri storici. Bollettino ufficiale della regione Campania n. 37 del 5 agosto 2002.



PIANO ENERGETICO
PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE APPROVATO DALLA GR NEL 2009
Linee di indirizzo strategico per la redazione del Piano Energetico Ambientale
Studi preliminari per l'elaborazione del piano energetico regionale (Dicembre 2002)
Piano Energetico Ambientale Provinciale di Benevento

STATISTICHE ENERGETICHE 1988-2008  (DAL SITO DELL'UNITA' TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA DELL'ENEA)

LINK UTILI
Arpa Campania
Agenzia napoletana energia e ambiente
POR FESR Campania
BUR Campania