OSSERVATORIO POLITICHE ENERGETICO-AMBIENTALI
REGIONALI E LOCALI

FONTI RINNOVABILI
NORMATIVA

Home

Mappa

Contatti

NORMATIVA SULLE FONTI RINNOVABILI


In questa sezione del sito vengono riportate le norme emanate dalle regioni riguardanti specificatamente i temi delle fonti rinnovabili. Pertanto è possibile che norme riguardanti le fonti rinnovabili inserite in leggi o delibere più generali non sono qui riportate ma che è possibile trovare nella sezione Normativa raggiungibile dalla home page di questo sito.

ABRUZZO
DGR Abruzzo 12 Aprile 2007, N. 351: Criteri e indirizzi per il rilascio dell'autorizzazione unica per la realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili

12/09/2007 - Con Delibera della GR n. 754/2007 della Regione Abruzzo sono state approvate le "Linee Guida atte a disciplinare la realizzazione e la valutazione di parchi eolici nel territorio abruzzese".

Linee guida sugli impianti eolici della Regione Abruzzo e aggiornamenti al 2009

22/03/2010  -  Con Delibera n. 242 del 2010 la Giunta Regionale della Regione Abruzzo ha  approvato le "Linee guida per il corretto inserimento di impianti fotovoltaici a terra nella Regione Abruzzo" e la  regolamentazione dell'art. 15 comma 2 L.R.16 del 19.08.2009 "Intervento regionale a sostegno del settore edilizio".

02/05/2011  -  La D.G.R. n. 294 del 02/05/2011 ha disposto che nella Regione Abruzzo, a far data dal 02/05/2011, gli impianti per la produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili di potenza nominale fino ad 1 MW elettrico vengono autorizzati direttamente dall'Amministrazione Comunale secondo la "Procedura abilitativa semplificata" prevista dall'art. 6 del D.Lgs. n. 28 del 03/03/2011.

DGR 26 Settembre 2011 n. 648
: Linee Guida per il calcolo del compenso per il cd. couso delle opere acquedottistiche con finalità idroelettrica - Approvazione.

D.G.R. n. 931 del 28/12/2012: Procedura Abilitativa Semplificata ai sensi dell'art.6 del D.Lgs. 03/03/2011 n. 28 - Criteri specifici.

Legge regionale 22 ottobre 2013, n. 38: "Disciplina transitoria delle grandi derivazioni ad uso idroelettrico ai sensi dell'articolo 12 del D.Lgs. 16 marzo 1999, n. 79 (Attuazione della direttiva 96/92CE recante norme comuni per il mercato interno dell'energia elettrica)".

28/04/2014  -  Pubblicata sul BUR della Regione Abruzzo la Legge regionale n. 23 del 28/04/2014 che prevede la sospensione dell'iter autorizzativo per impianti fotovoltaici in zona agricola, eolici e per centrali a biomasse di potenza superiore ad 1 MW in attesa del Piano Regionale per le Energie Alternative da approvare entro 180 giorni. 

04/06/2014  -  Pubblicata sul BUR della Regione Abruzzo la Legge regionale n. 33 del 21/05/2014 che all'art. 9 abroga la sospensione dell'iter autorizzativo per impianti fotovoltaici in zona agricola, eolici e per centrali a biomasse di potenza superiore ad 1 MW, prevista dall'art. 14 della legge regionale n. 23 del 28/04/2014.


BASILICATA
14/03/2019  -  Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Basilicata la Legge regionale n. 4 del 13 marzo 2019: "Ulteriori disposizioni urgenti in vari settori d'intervento della Regione Basilicata". L'art.13 della legge modifica l'art. 11 della Legge regionale 26 aprile 2012, n. 8: "Disposizioni in materia di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili". In particolare viene aggiunto il seguente comma:"7. Nelle more della adozione della nuova pianificazione energetica ambientale della Regione, ai fini del rilascio delle autorizzazioni di cui all'art. 12 del D. Lgs. n. 387/2003 i limiti massimi della produzione di energia da fonte rinnovabile stabiliti dalla Tab. 1" - 4 del vigente P.I.E.A.R. approvato con Legge regionale n. 1 del 19 gennaio 2010 sono aumentati per singola fonte rinnovabile in misura non superiore a 2 volte l'obiettivo stabilito per la fonte eolica e per la fonte solare di conversione fotovoltaica e termodinamica e in misura non superiore a 1,5 volte gli obiettivi stabiliti per le altre fonti rinnovabili in essa previste".

01/03/2019  -  Pubblicato su Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata la Delibera della Giunta Regionale n. 149 del 25 febbraio 2019: Art.15 bis della Legge Regionale, n. 8 introdotto dalla Legge Regionale 29 giugno 2018, n.11 "Controllo e verifica degli impianti. Istituzione del libretto di sicurezza" Adozione delle "Disposizioni operative per la formazione del libretto di sicurezza degli impianti eolici". Il libretto di sicurezza ha lo scopo di indurre i soggetti responsabili dell'esercizio a dare conto degli interventi di manutenzione effettuati, nonché ad effettuare e registrare annualmente le verifiche tecnico funzionali di tutti gli aerogeneratori costituenti l'impianto eolico e anche l'energia prodotta.

22/11/2018  -  Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Basilicata la Legge regionale n. 38 del 22/11/2018: "Seconda variazione al bilancio di previsione pluriennale 2018/2020 e disposizioni in materia di scadenza di termini legislativi e nei vari settori di intervento della Regione Basilicata". In materia di energia la presente legge dispone modifiche alle seguenti leggi: la Legge Regionale 30/12/2015, n. 54 sul corretto inserimento nel paesaggio e sul territorio degli impianti da fonti di energia rinnovabili; la Legge Regionale 26/04/2012, n. 8 in materia di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili; la Legge Regionale 19/01/2010, n. 1 recante le norme in materia di energia ed il Piano di Indirizzo Energetico Ambientale Regionale.

16/10/2018  -  Pubblicata sul BUR della Regione Basilicata la Legge regionale n. 32 del 15/10/2018: "Decarbonizzazione e politiche regionali sui cambiamenti climatici (Basilicata Carbon Free)". La Regione Basilicata sostiene e persegue la propria transizione verso l'economia a bassa emissione di carbonio e dei gas a effetto serra, attraverso politiche di contenimento e riduzione degli effetti dei gas climalteranti, di efficientamento energetico, di innovazione tecnologica e di sviluppo delle fonti rinnovabili compatibili con la tutela dell'ambiente e del paesaggio regionale. Entro 180 giorni dall'entrata in vigore della presente legge, la Giunta regionale trasmette al Consiglio regionale il Piano di Valutazione delle Vulnerabilità Regionali (P.V.R.) che identifica le aree territoriali e i sistemi economici locali maggiormente esposti ai rischi derivanti dai cambiamenti climatici, nonché la loro capacità di tenuta e adattamento ed elabora la Carta regionale del rischio climatico e la stima dei costi associati agli effetti delle mutazioni climatiche. Viene Istituito l'Osservatorio sui Cambiamenti Climatici (O.C.C.) che assicura il supporto tecnico e metodologico relativamente al coordinamento e alla definizione delle strategie regionali di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici.

11/09/2017  -  Legge regionale n. 21 del 2017: "Modifiche ed integrazioni alle leggi regionali 19 gennaio 2010, n. 1 "Norme in materia di energia e piano di indirizzo energetico ambientale regionale - D. Lgs. n. 152 del 3 aprile 2006 - legge regionale n. 9/2007"; 26 aprile 2012, n. 8 "Disposizioni in materia di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili" e 30 dicembre 2015, n. 54 "Recepimento dei criteri per il corretto inserimento nel paesaggio e sul territorio degli impianti da fonti di energia rinnovabili ai sensi del D.M. 10 settembre 2010".

24/07/2017  -  Sentenza del TAR Basilicata n. 200/2017: Annullamento della Delibera della Giunta Regionale n. 175 del 2 Marzo 2017: Approvazione delle Linee Guida per il corretto inserimento nel paesaggio degli impianti alimentati da fonti rinnovabili con potenza superiore ai limiti stabili dalla tabella A) del D.LGS N. 387/2003 e non superiore a 1 MW.

24/04/2017  -  Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata la Delibera della Giunta Regionale n. 284 del 4 Aprile 2017: Approvazione delle linee guida per il corretto inserimento nel paesaggio degli impianti alimentati da fonti rinnovabili con potenza inferiore ai limiti stabiliti dalla tabella A) del D.Lgs. n. 387/2003.

16/03/2017  -  Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata la Delibera della Giunta Regionale n. 175 del 2 Marzo 2017: Approvazione delle Linee Guida per il corretto inserimento nel paesaggio degli impianti alimentati da fonti rinnovabili con potenza superiore ai limiti stabili dalla tabella A) del D.LGS N. 387/2003 e non superiore a 1 MW.

05/08/2016  -  Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata la Legge Regionale 5 agosto 2016, n. 18: "Norme in materia di autorizzazione alla costruzione ed esercizio di linee ed impianti elettrici con tensione non superiore a 150.000 volt, non facenti parte della rete di trasmissione nazionale, e delle linee e degli impianti indispensabili per la connessione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili".

01/02/2016  -  Pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata la Delibera della Giunta Regionale n. 41 del 19/01/2016: "Modifiche ed integrazioni al disciplinare approvato con D.G.R. n. 2260/2010 in attuazione degli artt. 8, 14, 15 della Legge regionale n. 8 del 2012 come modificata dalla Legge regionale n. 17 del 2012". La Delibera apporta modifiche ed integrazioni alle procedure per il rilascio dell'autorizzazione alla costruzione e all'esercizio di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili, nonché integrazioni alle linee guida tecniche per la progettazione degli stessi.

Legge regionale n. 54 del 30/12/2015: Recepimento dei criteri per il corretto inserimento nel paesaggio e sul territorio degli impianti da fonti di energia rinnovabili ai sensi del D.M. 10.9.2010.

Legge regionale Basilicata n. 50 del 7-11-2015: "Disposizioni urgenti inerenti misure di salvaguardia ambientale in materia di concessione acqua pubblica ad uso idroelettrico".


16/08/2015  -  E' stata pubblicata sul BUR della Regione Basilicata la Deliberazione di Giunta Regionale n. 903 del 7 luglio 2015: Individuazione delle aree e dei siti non idonei alla istallazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili di cui al D.M. del 10/09/2010.

Legge regionale n. 17 del 9-08-2012: Modifiche alla Legge Regionale 26 aprile 2012, n. 8


Legge regionale n. 8 del 26 aprile 2012: "Disposizioni in materia di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili".

31/12/2010  -  Pubblicate sul BUR della regione Basilicata le procedure per l'attuazione degli obiettivi del Piano di Indirizzo Energetico Ambientale Regionale (P.I.E.A.R.) e disciplina del procedimento di cui all'articolo 12 del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387 per l'autorizzazione alla costruzione e all'esercizio di impianti di produzione di energia elettricità da fonti rinnovabili e linee guida tecniche per la progettazione degli impianti. Il provvedimento prevede che sono soggetti alla DIA i seguenti impianti per la produzione di energia elettrica: gli impianti eolici di potenza nominale fino a 1MW; gli impianti fotovoltaici non integrati fino a 1MW; gli impianti fotovoltaici per autoconsumo; impianti a biomasse con potenza elettrica fino a 999 kW e/o potenza termica fino 3 MW; gli impianti idroelettrici con potenza elettrica fino a 250 kW; rifacimenti di impianti fotovoltaici ed eolici esistenti che non comportino variazioni della potenza; varianti non sostanziali ai progetti approvati; gli impianti e le opere per la connessione alla rete elettrica.


BOLZANO
11/04/2019  Delibera della Giunta Provinciale di Bolzano del 2 aprile 2019, n. 221: "Disposizioni per migliorare la sicurezza per impianti soggetti all'obbligo di concessione per l'utilizzo di acque pubbliche per la produzione di energia elettrica. Sostituzione della propria deliberazione del 26.04.2016, n. 440". L'obiettivo della delibera è quello di aumentare e di migliorare ulteriormente la sicurezza e la funzionalità degli impianti idroelettrici tramite le periodiche verifiche agli impianti.

10/01/2019  -  Delibera della Giunta Provinciale di Bolzano del 28 dicembre 2018, n. 1466: "Disposizioni relative alla sottensione di piccole e medie derivazioni a scopo idroelettrico". La delibera regola la sottensione di piccole e medie derivazioni ai sensi dell'articolo 28 della legge provinciale 26 gennaio 2015, n. 2, recante "Disciplina delle piccole e medie derivazioni d'acqua per la produzione di energia elettrica", e le relative procedure.

19/04/2018  -  Con Delibera n. 321 del 10 aprile del 2018, viene approvata nella provincia di Bolzano la Direttiva per la posa in opera di sistemi di scambio termico con il sottosuolo a circuito chiuso. Viene disciplinata, ai sensi dell'articolo 10 del decreto legislativo 11 febbraio 2010, n. 22, la posa di impianti per l'utilizzazione della geotermia.

Deliberazione della GP n. 440 del 26.04.2016: "Disposizioni per migliorare la sicurezza per impianti soggetti all'obbligo di concessione per l'utilizzo di acque pubbliche per la produzione di energia elettrica".

03/02/2015  -  Pubblicata sul Bollettino Ufficiale del Trentino Alto Agige la Legge Provinciale n. 2 del 26/01/2015 della Provincia di Bolzano: "Disciplina delle piccole e medie derivazioni d'acqua per la produzione di energia elettrica". La presente legge disciplina le derivazioni di acque pubbliche per la produzione di energia elettrica mediante impianti con una potenza nominale media annua inferiore a 3.000 kW.

04/03/2014  -  Approvata dalla Giunta provinciale di Bolzano la Delibera n. 175 del 25 febbraio 2014: "Integrazioni e adattamenti alla Deliberazione della Giunta provinciale n. 1215 del 26 agosto 2013 ai sensi della decisione C(2014) 939 del 11 febbraio 2014 della Commissione europea Approvazione dei criteri per la concessione di contributi per la costruzione e l'ampliameneto di impianti di biogas".

Delibera della GP n. 2007 del 27 dicembre 2013: Integrazione alla Deliberazione della Giunta provinciale n. 1814 del 3 dicembre 2012, allegato A.

Legge provinciale n.18 del 17 settembre 2013: Modifiche della legge provinciale 7 luglio 2010, n. 9, recante "Disposizioni in materia di risparmio energetico e energia rinnovabile"

11/12/2012  -  Con Delibera della Giunta Provinciale di Bolzano n. 1814 del 03/12/2012: "Integrazioni e adattamenti alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. 1593 del 27.09.2010 ai sensi della decisione C(2012) 5048 del 25 luglio 2012 della Commissione europea e Approvazione dei criteri per la concessione di contributi ai sensi della Legge provinciale 7 luglio 2010, n. 9 per interventi di utilizzo razionale dell'energia, di risparmio energetico e di utilizzo di fonti rinnovabili di energia", vengono effettuate alcune modifiche alle norme sull'incentivazione delle fonti rinnovabili, del risparmio energetico, degli impianti di teleriscaldamento e sull'erogazione dei contributi per gli interventi di sensibilizzazione, per la divulgazione della conoscenza delle innovazioni nonché per l'utilizzo di strumenti di pianificazione nell'ambito del risparmio energetico e  dell'utilizzo delle fonti rinnovabili di energia.

Legge provinciale n. 9 del 7 luglio 2010: Disposizioni in materia di risparmio energetico e energia rinnovabile. Bollettino ufficiale della regione bolzano (prov.) n. 31 del 3 agosto 2010

Legge provinciale n. 7 del 30-09-2005: Norme in materia di utilizzazione di acque pubbliche.


CALABRIA
16/04/2012  -  Pubblicata sul BUR della Regione Calabria la Delibera della Giunta Regionale n. 81 del 13/3/2012: "Impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili di potenza elettrica fino a 1 MW. Recepimento dell'art. 6, comma 9, del D.Lgs. 3/3/2011 n. 28 «Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE». La presente delibera estende, in attuazione dell'art. 6, comma 9, primo periodo, D.Lgs. 3/3/2011 n. 28, la soglia di applicazione della procedura abilitativa semplificata di cui al comma 1 dell'art. 6 D.Lgs. n. 28/11 agli impianti di potenza nominale fino a 1MW elettrico.

31/12/2010  -  Pubblicata sul BUR della Regione Calabria la legge regionale n. 34 del 2010 contenente all'articolo 29 modifiche alla legge regionale n. 42 del 2008 riguardanti le autorizzazioni degli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Tale modifiche prevedono che gli impianti per la produzione di energia elettrica con capacità di generazione non superiore ad un MW elettrico di cui all'articolo 1 comma 1 lettera e) del D.L. 29 dicembre 2003 n. 387, alimentati dalle fonti di cui alla lettera a) dello stesso comma, vengono assoggettati alla disciplina della denuncia di inizio attività.

Legge regionale n. 42 del 29/12/2008: Misure in materia di energia elettrica da fonti energetiche rinnovabili. Pubblicata sul Bollettino Ufficiale straordinario n. 3 della Regione Calabria del 30/12/2008. La presente legge disciplina le modalità di rilascio dei titoli autorizzativi all'installazione e all'esercizio di nuovi impianti da fonti rinnovabili. Inoltre pone dei limiti da raggiungere entro il 2009, su scala regionale, alle potenze totali autorizzabili per ciascuna fonte rinnovabile:
a) eolica 3.000 MW; b) fotovoltaica/termodinamica 400 MW; c) idraulica 400 MW; d) biomassa 300 MW.


CAMPANIA
06/11/2018  -  Pubblicato sul BUR della Regione Campania la Legge regionale n. 37 del 2018: "Norme per l'attuazione del Piano Energetico Ambientale". La legge definisce i compiti della Regione e degli enti locali in materia di energia e specifica i vari iter autorizzativi per gli impianti, sia convenzionali che a fonte rinnovabile, per la produzione di energia elettrica. La Regione Campania e le Autorità competenti concorrono alla realizzazione del Catasto energetico regionale, catasto in cui confluiscono sia il Catasto degli impianti termici che il Catasto degli attestati di prestazione energetica.

26/07/2018  -  Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Sentenza della Corte Costituzionale n. 177 del 20 giugno 2018, con cui è stata dichiarata l'illegittimità costituzionale dell'art. 15, comma 3 della legge regionale n. 6 del 2016 della Regione Campania, la quale imponeva un periodo di moratoria di sei mesi al rilascio di nuove autorizzazioni per impianti eolici nel territorio regionale. La Sentenza, inoltre, dichiara inammissibili le questioni di legittimità costituzionale dell'art. 15, comma 4, della stessa legge regionale della Campania, che riguarda la sospensione delle concessioni di nuove autorizzazioni per impianti di produzione d'energia con utilizzo di biomasse, fruenti di incentivi previsti dalle vigenti norme sull'uso di fonti rinnovabili, per i quali risultino pendenti contenziosi giurisdizionali avverso ordinanze emesse ai sensi dell'art. 30 del D.P.R. 380/2001.

27/11/2017  -  Pubblicato sul BUR della Regione Campania la Delibera della Giunta Regionale n. 716 del 21/11/2017: "Revoca della DGR n. 325 del 8/8/2013 e nuovi indirizzi in materia di impianti per la produzione di energia da fonte rinnovabile". Con tale delibera vengono approvati i nuovi "Indirizzi operativi e procedurali per l'esame delle richieste di variante di progetti di impianti di produzione di energia elettrica da fonte eolica ai sensi del Dlgs. 387/2003" allegati al presente provvedimento.

21/11/2016  -  Pubblicato sul BUR della Regione Campania la Delibera della Giunta Regionale n. 533 del 4 ottobre 2016: "Criteri per la individuazione delle aree non idonee all'installazione di impianti eolici con potenza superiore a 20 KW, ai sensi del comma 1 dell'art.15 della Legge Regionale 5 aprile 2016 n. 6". Le aree non idonee alla realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonte eolica di potenza superiore a 20 KW, sono individuate sulla base di due parametri: 1) Concentrazione di impianti di produzione da fonti rinnovabili esistenti; 2) Aree di tutela per tutti gli altri casi. Non sono idonee all'istallazione di nuovi impianti eolici le aree situate in Comuni il cui "carico insediativo medio comunale" supera di 5 volte il "carico insediativo medio regionale". L'elenco dei Comuni "saturi" e, pertanto, non idonei all'installazione di impianti di produzione da fonti rinnovabili è aggiornato con cadenza annuale. I Comuni, interessati dalla possibilità di insediamenti eolici assoggettati alla Procedura abilitativa semplificata, entro il termine di 90 giorni dall'adozione del presente atto e prima del rilascio di nuove autorizzazioni all'istallazione, devono procedere all'approvazione del Piano Energetico Comunale.

21/11/2016  -  Pubblicato sul BUR della Regione Campania la Delibera della Giunta Regionale n. 532 del 4 ottobre 2016: Approvazione degli "indirizzi per la valutazione degli impatti cumulativi di impianti di produzione di energia elettrica da fonte eolica di potenza superiore a 20 kW", ai sensi del comma 2 dell'art.15 della Legge Regionale 5 aprile 2016 n. 6.


31/10/2016  -  Pubblicato sul BUR della Regione Campania il Decreto Dirigenziale n. 51 del 26.10.2016 - Misure di conservazione dei SIC (Siti di importanza comunitaria) per la designazione delle ZSC (Zone speciali di conservazione) della RETE NATURA 2000 della Regione Campania. Il decreto prevede che in tutto il territorio dei SIC la produzione di energia elettrica con turbina eolica a pala rotante è consentita esclusivamente con impianti inferiori a 20 kW.

05/04/2016  -  Con Legge regionale n. 6 del 5 aprile 2016, art. 15, è stata disposta nella Regione Campania la sospensione del rilascio di nuove autorizzazioni per impianti eolici nel territorio regionale. Ciò in attesa che entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, con delibera di Giunta regionale, tenendo conto della concentrazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili esistenti, sono stabiliti i criteri e sono individuate le aree non idonee alla realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonte eolica di potenza superiore a 20 kW, di cui al paragrafo 17 del decreto del Ministero dello sviluppo economico 10 settembre 2010, n. 47987.

10/08/2015  -  Con Decreto Dirigenziale n. 119 del 05/08/2015, viene approvata nella Regione Campania, la disciplina delle garanzie per la rimessa in pristino dei luoghi al termine della vita degli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.

Delibera della Giunta Regionale n. 80 del  28/03/2014: Disciplina di completamento in materia di autorizzazioni di cui all'art. 12 del d.lgs. 387/2003.


07/05/2013  -  Pubblicata sul BUR della Regione Campania la legge regionale n. 5 del 2013: "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale 2013 e pluriennale 2013 - 2015 della regione Campania (legge finanziaria regionale 2013)". Il comma 108 dell'art.1 prevede che sono sottoposti alla procedura abilitativa semplificata, di cui all'articolo 6 del decreto legislativo 28/2011, gli impianti di potenza inferioe a 1 MW termici con sonde geotermiche, sia essa verticale od orizzontale, che si sviluppa per una profondità non superiore a 200 metri dal piano di campagna e dista planimetricamente, da ogni suo punto, non meno di 200 metri dal perimetro delle concessioni di acque termominerali e piccole utilizzazioni locali con prelievo di acqua sottoposte alla legge regionale 8/2008. La legge abroga gli articoli 4, 5, 8 e il comma 2 dell'articolo 11 della legge regionale 18 febbraio 2013, n. 1 (Cultura e diffusione dell'energia solare in Campania).

25/02/2013  -  Pubblicata sul BUR della Regione Campania la Legge regionale n. 1 del 18 febbraio 2013: "Cultura e diffusione dell'energia solare in Campania". La Regione Campania si propone i seguenti obiettivi: coprire con la fonte solare una quota del consumo energetico del 10% al 2013, del 30% al 2016 e del 60% al 2021. La Regione Campania: a) sceglie il sole come sua primaria fonte di energia; b) promuove la diffusione dell'energia solare nelle sue diverse forme e tecnologie su tutto il territorio; c) attua piani ed iniziative per la progressiva sostituzione degli impieghi di energia fossile con l'energia solare; d) attua piani ed iniziative per l'uso razionale dell'energia e per il risparmio energetico; e) incentiva particolarmente la produzione di energia solare su aree già cementificate o comunque non più verdi con un loro uso plurimo, individuando in tali aree il primo percorso fondamentale per i piani solari; f) individua nella diffusione, nella ricerca e nella produzione tecnologica dell'energia solare uno dei campi centrali per il suo sviluppo e per il lavoro; g) attiva iniziative politiche ed istituzionali con le altre regioni italiane, con altri Paesi europei e del Mediterraneo per la cooperazione nella ricerca e nello scambio di tecnologie e produzioni solari; h) promuove lo sviluppo del solare, nel pieno rispetto di ogni vincolo ambientale e storico culturale.

Decreto Dirigenziale n. 516 del 26/10/2011: Autorizzazione alla costruzione e all'esercizio di impianti di produzione di elettricita' da fonti rinnovabili. criteri procedurali.

11/07/2011  -  Pubblicata su BUR della Regione Campania la Legge Regionale n. 11 del 2011:"Disposizioni urgenti in materia di impianti eolici". 

06/04/2009  -  Approvate dalla Regione Campania, con delib. della GR n. 500/2009, le nuove linee guida per lo svolgimento del procedimento di autorizzazione unica relativo alla costruzione e all'esercizio di impianti di produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili.

Delibera Regione Campania n. 1955 del 30/11/2006: Linee guida per lo svolgimento del procedimento unico relativo alla installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile.


EMILIA ROMAGNA
18/10/2017 - Pubblicata sul BUR della Regione Emilia Romagna la Delibera della Giunta regionale n. 1412 del 25/09/2017 con la quale vengono stabiliti limiti, a partire dal 1 ottobre 2018, all'uso di generatori di calore a biomassa con elevate emissioni inquinanti.

02/11/2016  -  Pubblicata su Bollettino Ufficiale della Regione Emilia Romagna la Delibera GR n. 1648 del 17/10/2016: Modifiche alla D.G.R. 1496/2011: integrazioni e modifiche alla D.G.R. 2236/09 - Approvazione degli allegati relativi all'autorizzazione di carattere generale per impianti di produzione di energia con motori a cogenerazione elettrica aventi potenza termica nominale compresa fra 3 e 10 MWt alimentati a biogas, ai sensi degli articoli 271 comma 3 e 272 comma 2 del Dlgs 152/2006 "norme in materia ambientale".

18/07/2012  -  Pubblicato sul BUR della Regione Emilia Romagna la Delibera della Giunta Regionale 25 giugno 2012, n. 855: "Approvazione degli allegati relativi all'autorizzazione di carattere generale per impianti termici civili e industriali alimentati a biomasse solide con potenzialità termica nominale complessiva inferiore a 10 MWt, ai sensi degli articoli 271 comma 3 e 272 comma 2 del Dlgs 152/2006 "norme in materia ambientale" - integrazioni e modifiche alla DGR 2236/2009."

12/04/2012  -  Pubblicato sul BUR della Regione Emilia Romagna la Delibera della Giunta Regionale 26 marzo 2012, n. 362: "Attuazione della D.A.L. 51 del 26 luglio 2011 - Approvazione dei criteri per l'elaborazione del computo emissivo per gli impianti di produzione di energia a biomasse".  I criteri specificati nel presente documento  si applicano agli impianti per la produzione di energia elettrica da biomasse aventi potenza termica nominale superiore a 250 kWt. Ai fini del computo delle potenze più impianti localizzati nello stesso stabilimento sono considerati come un unico impianto.

16/03/2012  -  Pubblicato sul BUR della Regione Emilia Romagna il Regolamento Regionale n. 1 delle procedure autorizzative relative alla costruzione e all'esercizio di impianti di produzione di energia elettrica di competenza regionale in attuazione dell'articolo 16, comma 1, della legge regionale 23 dicembre 2004, n. 26 (disciplina della programmazione energetica territoriale ed altre disposizioni in materia di energia). Il presente regolamento si applica alla costruzione e all'esercizio degli impianti, di competenza regionale, per la produzione di energia elettrica di potenza superiore a 50 MW termici, alimentati da fonti convenzionali e rinnovabili, anche in assetto cogenerativo.

09/11/2011  -  Pubblicate sul BUR della Regione Emilia Romagna due delibere della Giunta Regionale, la n. 1495 del 24 ottobre 2011 "Criteri tecnici per la mitigazione degli impatti ambientali nella progettazione e gestione degli impianti a biogas" e la n. 1496 del 24 ottobre 2011 "Integrazioni e modifiche alla D.G.R. 2236/09 - Approvazione degli allegati relativi all'autorizzazione di carattere generale per impianti di produzione di energia con motori a cogenerazione elettrica aventi potenza termica nominale compresa fra 3 e 10 MWt alimentati a biogas, ai sensi degli articoli 271 comma 3 e 272 comma 2 del DLgs 152/06 (Norme in materia ambientale)".

26/07/2011  -  l'Assemblea Legislativa dell'Emilia Romagna ha approvato la Delibera n. 51 del 2011, che Individua le aree e i siti per l'installazione di impianti di produzione di energia elettrica mediante l'utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili eolica, da biogas, da biomasse e idroelettrica.

17/01/2011  -  Con Delibera n. 46 del 2011 la Giunta Regionale dell'Emilia Romagna ha approvato la ricognizione delle aree oggetto della deliberazione dell'assemblea legislativa del 6 dicembre 2010, n. 28 (recante "prima individuazione delle aree e dei siti per l'istallazione di impianti di produzione di energia elettrica mediante l'utilizzo della fonte energetica rinnovabile solare fotovoltaica").

06/12/2010  -  L'Assemblea legislativa della Regione Emilia Romagna ha approvato in data odierna la delibera n. 28: "Prima individuazione delle aree e dei siti per l'installazione di impianti di produzione di energia elettrica mediante l'utilizzo della fonte energetica rinnovabile solare fotovoltaica. 

26/07/2010  -  Approvata dalla Giunta Regionale dell'Emila Romagna la delibera n. 1198 del 2010 contenente: "Misure di semplificazione relative al procedimento per la costruzione e l'esercizio degli impianti di generazione elettrica alimentati da biogas prodotto da biomasse provenienti da attività agricola".


FRIULI
17/10/2012  -  Pubblicata sul BUR della Regione Friuli Venezia Giulia la Legge Regionale n. 19 del 2012: "Norme in materia di energia e distribuzione dei carburanti". Con la presente Legge la Regione in modo organico disciplina: le funzioni e l'organizzazione delle attività a essa attribuite in materia di energia; il riordino del conferimento di funzioni e compiti amministrativi in materia di energia agli enti locali; la programmazione del sistema energetico regionale nelle sue diverse articolazioni settoriali.


LAZIO
23/10/2018  -  Legge regionale n. 7 del 22 ottobre 2018: "Disposizioni per la semplificazione e lo sviluppo regionale". Tale legge all'art. 31 contiene "Disposizioni in materia di efficientamento e risparmio energetico nonché di impianti aeraulici". Vengono regolati i controlli per verificare la completezza e la veridicità degli attestati di prestazione energetica. Viene istituita una banca dati degli impianti a biomassa con potenza termica uguale o superiore a 50 kW termici, denominata "Registro regionale degli impianti a biomassa". La Regione organizza appositi corsi di formazione per il personale addetto alla manutenzione e al controllo degli impianti aeraulici e disciplina, tra le altre cose, la frequenza e le modalità di effettuazione dei controlli negli impianti di potenza termica utile nominale maggiore di 10 kW. La Regione promuove la realizzazione di impianti solari ed eolici di piccola e media scala negli edifici condominiali. L'art. 13 prevede che, in attesa della Carta idro-geo-termica regionale e dell'approvazione del nuovo piano energetico regionale, sono sospesi i procedimenti amministrativi per il rilascio dei permessi di ricerca, delle relative proroghe nonché degli atti ad essi preordinati, riguardanti le risorse geotermiche ad alta e media entalpia. Tale sospensione non potrà comunque eccedere il periodo di sei mesi decorrente dalla data di entrata in vigore della presente legge.

31/07/2018  -  Deliberazione 17 luglio 2018, n. 385: "Disposizioni attuative della legge regionale n. 3 del 21 aprile 2016 in merito all'applicazione delle procedure autorizzative per le piccole utilizzazioni locali di calore geotermico".

16/08/2017  -  Legge regionale n. 9 del 14 agosto 2017: "Misure integrative, correttive e di coordinamento in materia di finanza pubblica regionale. Disposizioni varie". Tale legge contiene, ai commi 40 e 41 dell'art. 17, modifiche alla Legge regionale n. 3 del 21/04/2016: "Disciplina in materia di piccole utilizzazioni locali di calore geotermico".

21/04/2016  -  Pubblicata sul BUR della Regione Lazio la Legge regionale n. 3 del 21/04/2016: "Disciplina in materia di piccole utilizzazioni locali di calore geotermico". La presente legge detta disposizioni in materia di piccole utilizzazioni locali di calore geotermico ai sensi dell'articolo 10 del decreto legislativo 11 febbraio 2010, n. 22 (Riassetto della normativa in materia di ricerca e coltivazione delle risorse geotermiche, a norma dell'articolo 27, comma 28, della legge 23 luglio 2009, n. 99).

28/12/2011  -  Pubblicata sul BUR della Regione Lazio la Legge regionale n. 16 del 2011:"Norme in materia ambientale e di fonti rinnovabili".

Delibera Giunta Regionale 13.01.2010, n. 16: Nuove Linee Guide per gli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.

Delibera Giunta Regionale  18 luglio 2008 n.517: Approvazione delle "Linee guida per lo svolgimento del procedimento unico, relativo alla installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile, di cui al decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387 ed alla legge regionale 23 novembre 2006, n. 18.".

Legge regionale Regione Lazio n. 15 del 08-11-2004: Disposizioni per favorire l'impiego di energia solare termica e la diminuzione degli sprechi idrici negli edifici.  Bollettino ufficiale della regione lazio n. 31 del 10 novembre 2004.

LIGURIA
06/02/2013  -  Pubblicato sul BUR della Regione Liguria  la Legge regionale n. 3 del 2013:"Modifiche alla legge regionale 6 giugno 2008, n. 16 (disciplina dell'attività edilizia) e alla legge regionale 5 aprile 2012, n. 10 (disciplina per l'esercizio delle attività produttive e riordino dello sportello unico). Tale legge riporta modifiche ai procedimenti autorizzativi per gli interventi urbanistico-edilizi relativi agli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili.

17/10/2012  -  Pubblicata sul BUR della Regione Liguria la Delibera della Giunta Regionale n. 1122 del 21 settembre del 2012: "Linee guida per l'autorizzazione, la valutazione ambientale, la realizzazione e la gestione degli impianti per lo sfruttamento delle fonti energetiche rinnovabili", in recepimento delle Linee Guida Nazionali di cui al DM 10 settembre 2010. 

LOMBARDIA
21/02/2019  -  Pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia la Delibera della Giunta Regionale del 18 febbraio 2019 n. XI/1280: "Esenzione delle derivazioni a scopo idroelettrico con potenza nominale media non superiore a 30  kW dagli obblighi di misurazione e monitoraggio telematico in continuo del deflusso minimo vitale (DMV) ai sensi dell'art.  53  ter della l.r. 26/2003 e s.m.i.".

22/01/2018  - Pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia la Delibera della Giunta Regionale n. X/7696 del 12/01/2018: Integrazioni alla Deliberazione n. 7095 del 18/09/2017 "Nuove misure per il miglioramento della qualità dell'aria in attuazione del Piano regionale degli interventi per la qualità dell'aria (PRIA) e dell'Accordo di programma di bacino padano 2017". Tale Delibera dispone che è vietato installare nuovi generatori di calore alimentati a biomassa legnosa con prestazioni emissive inferiori a quelle individuate dal Dm Ambiente n. 186 del 7 novembre 2017 per le seguenti classi di appartenenza: "tre stelle", per i generatori installati dal 1° ottobre 2018; "quattro stelle", per i generatori installati dal 1° gennaio 2020. Mentre per quelli in esercizio: "due stelle", per i generatori in esercizio dal 1° ottobre 2018; "tre stelle", per i generatori in esercizio dal 1° gennaio 2020.

21/09/2017  -  Pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia la Delibera della Giunta regionale n. X/7095 del 18 settembre 2017: Nuove misure per il miglioramento della qualità dell'aria in attuazione del piano regionale degli interventi per la qualità dell'aria (PRIA) e dell'accordo di programma di bacino Padano 2017. Tale delibera contiene dei limiti sull'utilizzo dei generatori di calore a biomasse che andranno in vigore dal 1 ottobre 2018.

06/10/2016  -  Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia la Delibera della Giunta Regionale n. X/5656 del 3 ottobre 2016 con la quale per l'attuazione di misure temporanee per il miglioramento della qualità dell'aria ed il contrasto all'inquinamento locale, è stato approvato un Protocollo di collaborazione con ANCI Lombardia, ARPA Lombardia e gli Enti locali aderenti e uno schema di classificazione ambientale dei generatori di calore alimentati a biomassa legnosa.

28/10/2015  -  Pubblicato sul BUR della Regione Lombardia il Decreto Dirigenziale n. 8711 del 21/10/2015: Regolamentazione dei percorsi di formazione abilitanti e di aggiornamento per "Installatore e manutentore straordinario di impianti energetici alimentati da fonti rinnovabili, ai sensi dell'articolo 15, comma 2, del decreto legislativo 3 marzo 2011 n. 28". Con tale Decreto vengono definiti lo standard professionale e formativo e la regolamentazione dei percorsi di aggiornamento. I percorsi formativi, anche di aggiornamento, possono essere attivati esclusivamente dagli enti accreditati iscritti all'Albo regionale dei servizi di Istruzione e Formazione Professionale. Tutti i soggetti in possesso dei requisiti tecnico-professionali di cui all'art. 4, 1° comma, lettere a), b), c), d) del DM 37/2008 sono tenuti a partecipare alle attività formative di aggiornamento ogni tre anni, che decorrono dal 1 agosto 2013. I nominativi dei soggetti che hanno concluso positivamente i percorsi di installatore e manutentore straordinario di impianti FER ed i percorsi di aggiornamento saranno trasmessi al Registro delle imprese delle Camere di Commercio.

DGR X/3905 del 24 luglio 2015: "Piano energetico ambientale regionale: recepimento delle determinazioni dell'autorità di bacino per il fiume Po in relazione alla compatibilità degli impianti idroelettrici e indicazioni relative ai procedimenti amministrativi per la realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili".

Legge regionale 29 ottobre 2013 - n. 9: Disposizioni in materia ambientale. Modifiche alle leggi regionali n. 26/2003 (Disciplina dei servizi locali di interesse economico generale. Norme in materia di gestione dei rifiuti, di energia, di utilizzo del sottosuolo e di risorse idriche), n. 7/2012 (Misure per la crescita, lo sviluppo e l'occupazione) e n. 5/2010 (Norme in materia di valutazione di impatto ambientale)

09/08/2012  -  Pubblicata sul BUR della Regione Lombardia  la D.C.R. 24 luglio 2012 - n. IX/532: Approvazione degli indirizzi per la definizione del nuovo programma energetico ambientale regionale.

27/04/2012  -  Pubblicata sul BUR della Regione Lombardia la Dgr n. IX/3298 del 18 aprile 2012 di approvazione delle linee guida regionali per l'autorizzazione degli impianti per la produzione di energia elettrica da fonti energetiche rinnovabili mediante recepimento della normativa nazionale in materia. 

01/12/2010  -  Approvate da Regione Lombardia le linee guida per l'autorizzazione di impianti per la produzione di energia da Fonti Energetiche Rinnovabili (FER) - Impianti fotovoltaici,eolici e  Valutazione Impatto Ambientale degli stessi.

MARCHE
07/02/2013  -  Pubblicata sul BUR della Regione Marche la Deliberazione amministrativa assemblea legislativa 15 gennaio 2013, n. 62: Adeguamento del Piano Energetico Ambientale Regionale (DACR 175/2005) alla normativa "burden sharing" e individuazione delle aree non idonee alla installazione di impianti a biomassa e a biogas.

25/10/2012  -  Pubblicata sul BUR della Regione Marche la Legge regionale n. 30 del 19 ottobre 2012: Individuazione delle aree non idonee all'installazione di impianti alimentati da biomasse o biogas e modifiche alla legge regionale 26 marzo 2012, n. 3 "Disciplina della procedura di valutazione di impatto ambientale". Tale legge dispone che la Regione procede alla individuazione delle aree non idonee alla installazione degli impianti alimentati da biomasse o biogas e che sino all'approvazione di tale documento non possono essere autorizzati nuovi impianti termoelettrici alimentati da biomasse e da biogas nel territorio regionale, ciò non si applica ai nuovi impianti alimentati da biogas provenienti dalla fermentazione anaerobica metanogenica di sostanze organiche costituite da rifiuti.

24/08/2012  -  Pubblicata sul BUR della Regione Marche la Delibera della Giunta Regionale n. 1191 del 01/08/2012. Impianti a biomasse e a biogas: integrazioni alla D.G.R. n. 255 dell'8 marzo 2011 in materia di autorizzazione unica, indicazioni per la gestione dei prodotti in uscita dagli impianti e attuazione stralcio del Piano d'azione di cui alla DACR 52/2007 per la limitazione delle emissioni inquinanti nei Comuni in zona A.


08/03/2011  -  Con Delibera della GR n. 255 del 2011 la Regione Marche recepisce le linee guida nazionali per l'autorizzazione di impianti a fonti rinnovabili.

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1312 del 03/10/2011: Semplificazione dell'azione amministrativa in materia di energia da fonti rinnovabili: indirizzi per il coordinamento della procedura di autorizzazione unica regionale con le procedure di VIA e con la procedura di concessione di derivazione d'acqua in caso di impianti idroelettrici.

Deliberazione Assemblea Legislativa n. 13/2010: Individuazione delle aree non idonee di cui alle linee guida previste dall'articolo 12 del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387 per l'installazione di impianti fotovoltaici a terra e indirizzi generali tecnico amministrativi. Legge regionale 4 agosto 2010, n. 12"


MOLISE
22/12/2014  -  Pubblicata sul BUR della Regione Molise la Legge Regionale n. 23 del 2014: "Misure urgenti in materia di energie rinnovabili". Tale legge stabilisce, per il rilascio dell'autorizzazione all'installazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili, la verifica della compatibilità tra l'installazione di aerogeneratori o gruppi di aerogeneratori aventi potenza singola o complessiva superiore a 300 kW e le specificità proprie dell'area di insediamento.

16/09/2011  -  Pubblicate sul BUR della Regione Molise le "Linee guida per lo svolgimento del procedimento unico di cui all'art. 12 del D. Lgs. n. 387/2003 per l'autorizzazione alla costruzione ed all'esercizio di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili sul territorio della Regione Molise", approvate con DGR n°621 del 04/08/2011.

25/10/2010  -  Con deliberazione della giunta regionale n. 857 la Regione Molise ha modificato le  linee guida per lo svolgimento del procedimento unico, di cui al comma 3 dell'art. 12 del decreto legislativo n. 387/2003, relativo all'installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili di cui alla delibera n. 1074 del 2009.

Legge regionale n. 30 del 11/12/2009: Intervento regionale straordinario volto a rilanciare il settore edilizio, a promuovere le tecniche di bioedilizia e l'utilizzo di fonti di energia alternative e rinnovabili, nonché a sostenere l'edilizia sociale da destinare alle categorie svantaggiate e l'edilizia scolastica.

16/11/2009  -  Con deliberazione della giunta regionale n. 1074 la Regione Molise ha approvato le linee guida per lo svolgimento del procedimento unico, di cui al comma 3 dell'art. 12 del decreto legislativo n. 387/2003, relativo all'installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili in attuazione del PEAR e della legge regionale del 7 agosto 2009, n. 22: nuova disciplina degli insediamenti degli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nel territorio della regione Molise.

Legge regionale Regione Molise n. 22 del  07/08/2009: Nuova disciplina degli insediamenti degli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nel territorio della Regione Molise. Bollettino ufficiale della regione Molise n. 18 del 14  agosto 2009.



PIEMONTE

14/03/2019  -  Pubblicata sul BUR della Regione Piemonte la Deliberazione della Giunta Regionale 8 marzo 2019 n. 18-8520: "Legge regionale 3 agosto 2018, n. 12 "Promozione dell'istituzione delle comunità energetiche". Disposizioni attuative e approvazione, per l'anno 2019, dei criteri per il sostegno Finanziario". Tale delibera in attuazione alla legge regionale 12/2018, disciplina: A) i criteri per l'adozione di un protocollo di intesa da parte dei comuni che intendono proporre la costituzione di una comunità energetica, oppure aderire a una comunità energetica esistente; B) i criteri per la redazione del bilancio energetico delle comunità energetiche, per le finalità di cui all'articolo 3, comma 1, lettera b); C) i criteri e le caratteristiche del documento strategico delle comunità energetiche, contenente l'individuazione delle azioni che le stesse intendono intraprendere per la riduzione dei consumi energetici da fonti non rinnovabili e l'efficientamento dei consumi energetici e, ai sensi dell'articolo 6, i parametri per la valutazione regionale dei risultati derivanti dall'attuazione del documento strategico; D) i criteri e le modalità per il sostegno finanziario regionale. Viene istituito, in ottemperanza all'articolo 5 della legge regionale 12/2018, il Tavolo tecnico permanente fra le comunità energetiche e la Regione Piemonte, a cui possono essere invitati, per finalità consultive, i portatori di interessi a diverso titolo coinvolti.

09/08/2018  -  Pubblicata sul BUR della Regione Piemonte la Legge regionale n. 12 del 3 agosto 2018, con la quale la Regione promuove l'istituzione di comunità energetiche, quali enti senza finalità di lucro, costituiti al fine di superare l'utilizzo del petrolio e dei suoi derivati, e di agevolare la produzione e lo scambio di energie generate principalmente da fonti rinnovabili, nonché forme di efficientamento e di riduzione dei consumi energetici. Alle comunità energetiche, possono partecipare soggetti pubblici e privati. Le comunità energetiche acquisiscono e mantengono la qualifica di soggetti produttori di energia se annualmente la quota dell'energia prodotta destinata all'autoconsumo da parte dei membri non è inferiore al 70 per cento del totale. La Regione sostiene finanziariamente la fase di costituzione delle comunità energetiche. La Giunta regionale, con apposito provvedimento, entro centoventi giorni dall'entrata in vigore della legge, individua i criteri e le modalità per il sostegno finanziario della fase di costituzione delle comunità energetiche.

21/04/2016  -  Pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte il  Decreto dirigenziale n. 66 del 3 marzo 2016: "Approvazione delle Linee guida regionali per l'installazione e la gestione delle sonde geotermiche". Le presenti Linea Guida sono finalizzate: a dare un contributo alla valorizzazione dell'utilizzo delle risorse geotermiche a bassa entalpia nel rispetto dell'ambiente e della tutela delle acque sotterranee; a fornire alcune indicazioni tecniche agli enti coinvolti nel processo decisionale e agli operatori del settore che affrontano la progettazione, l'installazione, il collaudo, la gestione e la dismissione delle sonde geotermiche.

Dgr 19 novembre 2012, n. 5-4929: Approvazione del Piano d'azione 2012-2013 per una prima attuazione dell'Atto di indirizzo per la pianificazione energetica regionale.


02/02/2012  -  Con Deliberazione della Giunta Regionale 30 gennaio 2012, n. 5-3314 sono state emanate le Indicazioni procedurali in ordine allo svolgimento del procedimento unico di cui all'articolo 12 del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387, relativo al rilascio dell'autorizzazione alla costruzione ed esercizio di impianti per la produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile.

02/02/2012  -  Con Deliberazione della Giunta Regionale 30 gennaio 2012, n. 6-3315 viene disciplinata la Individuazione delle aree e dei siti non idonei all'installazione ed esercizio di impianti per la produzione di energia elettrica alimentati da biomasse, ai sensi del paragrafo 17.3. delle "Linee guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili" di cui al decreto ministeriale del 10 settembre 2010.

14/12/2010  -  Con Delibera n. 3-1183 della Giunta Regionale vengono individuate in Piemonte i siti non idonei all'installazione di impianti fotovoltaici a terra ai sensi delle linee guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili emanate con il decreto ministeriale del 10 settembre 2010.



PUGLIA
13/08/2018  -  Pubblicata sul BUR della Regione Puglia la Legge regionale n. 44 del 13 agosto 2018: "Assestamento e variazione al bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2018 e pluriennale 2018-2020", con la quale, grazie agli artt. 18 e 19, vengono effettuate ulteriori modifiche ed integrazioni alla Legge regionale n. 25 del 2012 per quanto riguarda gli iter autorizzativi degli impianti di produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili.

19/07/2018  -  Pubblicata sul BUR della Regione Puglia la Legge regionale n. 38 del 16 luglio 2018: "Modifiche e integrazioni alla legge regionale 24 settembre 2012, n. 25 (Regolazione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili)". La legge effettua modifiche e integrazioni alla L.R. 25/2012, per quanto riguarda la conferenza di servizi e per i procedimenti autorizzativi degli impianti alimentati da fonti rinnovabili e cogenerativi. Come previsto dal Dlgs 222/2016 viene eliminata la procedura abilitativa semplificata (PAS) e sostituita dalla Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA), per gli impianti a fonti rinnovabili aventi potenza inferiore alle soglie oltre le quali è richiesta l'Autorizzazione Unica. Per gli impianti di taglia inferiore e con determinate caratteristiche, come previsto dalle Linee guida nazionali (Decreto 10/09/2010), continua ad applicarsi la semplice comunicazione al Comune. La legge, inoltre, disciplina nel dettaglio il procedimento Autorizzativo Unico anche per la costruzione e l'esercizio di impianti di cogenerazione di potenza termica inferiore ai 300 MW.

08/08/2017  -  Pubblicata sul BUR della Regione Puglia la Legge regionale n. 34 del 7 agosto 2017: "Modifiche all'articolo 5 della legge regionale 24 settembre 2012, n. 25 (Regolazione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili)".

10/11/2016  -  Pubblicata sul BUR della Regione Puglia la Determinazione del Dirigente Sezione Infrastutture Energetiche e Digitali 24 ottobre 2016, n. 49: Autorizzazione Unica ai sensi del D.Lgs. n. 387/2003 relativa alla costruzione ed all'esercizio di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti energetiche rinnovabili. Applicazione D.M. del 23.06.2016. Tale norma dispone che le Autorizzazioni Uniche debbano prevedere una durata pari a 20 anni a partire dalla data di entrata in esercizio commerciale dell'impianto, come previsto dal D.M. del 23.06.2016.

28/07/2014  -  Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Puglia la Dgr n. 1320 del 27 giugno 2014, che modifica la Circolare 1/2012 che contiene requisiti e procedure autorizzative per la realizzazione di serre fotovoltaiche sul territorio regionale.

11/06/2014  -  Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Sentenza n. 166 del 2014 della Corte Costituzionale con la quale si dichiara l'illegittimità costituzionale dell'articolo 2, comma 4, della legge della Regione Puglia 21 ottobre 2008, n. 31 (Norme in materia di produzione di energia da fonti rinnovabili e per la riduzione di immissioni inquinanti e in materia ambientale) e in via consequenziale, l'illegittimità costituzionale dell'articolo 2, comma 5, della stessa Legge Regionale.  L'articolo 2, comma 4, della legge della Regione Puglia 21 ottobre 2008, n. 31 vietava la realizzazione in zona agricola di impianti alimentati da biomasse, salvo che queste ultime provenivano, nella misura minima del 40 per cento, da "filiera corta", cioè da un'area contenuta entro 70 chilometri dall'impianto.

15/04/2014  -  Pubblicata sul BUR della Regione Puglia la Delibera della Giunta Regionale n. 581 del 02/04/2014: "Analisi di scenario della produzione di energia da Fonti Energetiche Rinnovabili sul territorio regionale. Criticità di sistema e iniziative conseguenti".

30/11/2012  -  Pubblicato sul BUR della Regione Puglia il Regolamento Regionale 30 novembre 2012, n. 29: "Modifiche urgenti, ai sensi dell'art. 44 comma 3 dello Statuto della Regione Puglia (L.R. 12 maggio 2004, n. 7), del Regolamento Regionale 30 dicembre 2010, n. 24 "Regolamento attuativo del Decreto del Ministero dello Sviluppo del 10 settembre 2010 Linee Guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili, recante la individuazione di aree e siti non idonei alla installazione di specifiche tipologie di impianti alimentati da fonti rinnovabili nel territorio della Regione Puglia."

27/11/2012  -  Con Delibera della GR della Puglia 13 novembre 2012, n. 2275 è stata approvata la  'Banca dati regionale del potenziale di biomasse agricole', nell'ambito del Programma regionale PROBIO (DGR  1370/07). 

25/09/2012  -  Pubblicata sul BUR della Regione Puglia la Legge Regionale n. 25 del 24 settembre 2012: "Regolazione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili". La presente legge dà attuazione alla Direttiva Europea del 23 aprile 2009, n. 2009/28/CE. Prevede che entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge la Regione Puglia adegua e aggiorna il Piano energetico ambientale regionale (PEAR) e apporta al regolamento regionale 30 dicembre 2010, n. 24 (Regolamento attuativo del decreto del Ministero per lo Sviluppo Economico 10 settembre 2010 "Linee Guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili"), le modifiche e integrazioni eventualmente necessarie al fine di coniugare le previsioni di detto regolamento con i contenuti del PEAR. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, vengono aumentati i limiti indicati nella tabella A allegata al d.lgs. 387/2003 per l'applicazione della PAS. La Regione approverà entro 31/12/2012 un piano straordinario per la promozione e lo sviluppo delle energie da fonti rinnovabili, anche ai fini dell'utilizzo delle risorse finanziarie dei fondi strutturali per il periodo di programmazione 2007/2013.


Deliberazione della Giunta Regionale 28 marzo 2012 n. 602: Individuazione delle modalità operate per l'aggiornamento del Piano Energetico Ambientale Regionale (PEAR) e avvio della procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS).

08/02/2012  -  Pubblicata sul BUR della Regione Puglia la DGR n. 107 del 2012 riportante: "Criteri, modalità e procedimenti amministrativi connessi all'autorizzazione per la realizzazione di serre fotovoltaiche sul territorio regionale".

23/03/2011  -  Pubblicata sul BUR della Regione Puglia la Delibera della GR n. 461 del 10 Marzo 2011 riportante: "Indicazioni in merito alle procedure autorizzative e abilitative di impianti fotovoltaici collocati su edifici e manufatti in genere".

31/12/2010  -  Pubblicato sul BUR della Regione Puglia il Regolamento attuativo del Decreto del Ministero per lo Sviluppo Economico del 10 settembre 2010, "Linee Guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili", recante la individuazione di aree e siti non idonei alla installazione di specifiche tipologie di impianti alimentati da fonti rinnovabili nel territorio della Regione Puglia".

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE della Puglia 26 ottobre 2010, n. 2259: Procedimento di autorizzazione unica alla realizzazione ed all'esercizio di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Oneri istruttori. Integrazioni alla DGR n. 35/2007.

21/11/2008  -  Pubblicato sul BUR della Regione Puglia  il "Regolamento per aiuti agli investimenti delle PMI nel risparmio energetico, nella cogenerazione ad alto rendimento e per l'impiego di fonti di energia rinnovabile in esenzione ai sensi del Regolamento (CE) n. 800/2008".

Legge regionale n. 31 del 21/10/2008: "Norme in materia di produzione di energia da fonti rinnovabili e per la riduzione di immissioni inquinanti e in materia ambientale".

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE della Puglia 23 gennaio 2007, n. 35: "Procedimento per il rilascio dell'Autorizzazione unica ai sensi del Decreto Legislativo 29 dicembre 2003, n. 387 e per l'adozione del provvedimento finale di autorizzazione relativa ad impianti alimentati da fonti rinnovabili e delle opere agli stessi connesse, nonché delle infrastrutture indispensabili alla costruzione e all'esercizio."

06/10/2006  -  Emesso dalla Regione Puglia un Regolamento per la realizzazione di impianti eolici nella Regione.

Legge regionale Regione Puglia n. 9 del 11/08/2005: Moratoria per le procedure di valutazione d'impatto ambientale e per le procedure autorizzative in materia di impianti di energia eolica. Bollettino ufficiale della regione Puglia n. 102 del 12 agosto 2005.

SARDEGNA
15/02/2018  -  Pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Sardegna la Delibera n. 3/25 del 23/1/2018: "Linee guida per l'Autorizzazione Unica degli impianti alimentati da fonti rinnovabili, ai sensi dell'articolo 12 del D.Lgs. n. 387 del 2003 e dell'articolo 5 del D.Lgs. 28 del 2011. Modifica della deliberazione n. 27/16 del 1 giugno 2011". Con tale delibera la Regione aggiorna le Linee guida per l'Autorizzazione Unica degli impianti alimentati da fonti rinnovabili, con l'obiettivo di: ridurre le fasi procedimentali non necessarie; ridurre, dove possibile, i termini di conclusione del procedimento amministrativo; attuare la necessaria innovazione tecnologica e informatica nei rapporti tra pubbliche amministrazioni, cittadini e imprese.

14/04/2016  -  L'Assessorato Regionale della Difesa dell'Ambiente della Sardegna ha emanato la Circolare 14 aprile 2016 con la quale vengono forniti chiarimenti relativi alla vigente regolamentazione regionale in materia di impianti eolici.

10/09/2015  -  Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Sardegna la Deliberazione della Giunta Regionale n. 40/11 del 7/08/2015: "Individuazione delle aree e dei siti non idonei all'installazione degli impianti alimentati da fonti di energia eolica".

Delibera GR n. 45/34 del 12/11/2012: Linee guida per la installazione degli impianti eolici nel territorio regionale di cui alla Delib.G.R. n. 3/17 del 16.1.2009 e s.m.i. Conseguenze della Sentenza della Corte Costituzionale n. 224/2012. Indirizzi ai fini dell'attuazione dell'art 4 comma 3 del D.Lgs. n. 28/2011.

Delibera GR n. 27/16 del 01/06/2011: "Linee guida attuative del Decreto del Ministero per lo Sviluppo Economico del 10 settembre 2010, "Linee Guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili". Modifica della Delib.G.R. n. 25/40 del 1° luglio 2010".


12/03/2010  -  Con Delibera della Giunta Regionale n. 10/3 del 12/03/2010 sono state approvate in Sardegna gli indirizzi e le linee guida relative alle procedure autorizzative per la realizzazione degli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili.

Delibera GR n. 3/17 del 16/1/2009: Modifiche allo "Studio per l'individuazione delle aree in cui ubicare gli impianti eolici" (Delib. G.R. n. 28/56 del 26.7.2007).

Delibera GR Regione Sardegna n. 47/13 del 22/12/2003: Adesione della Regione Sardegna alla Campagna UE per il decollo delle Fonti Energetiche Rinnovabili.

SICILIA
17/08/2018  -  Con Legge regionale n. 16 del 9 agosto 2018, la Regione Sicilia ha abrogato l'art. 17 della Legge regionale n. 8 dell'8 maggio 2018 con la quale aveva sospeso, per 120 giorni dall'entrata in vigore, le autorizzazioni di impianti eolici e fotovoltaici.

11/05/2018  -  Con l'Art. 17 della Legge regionale n. 8 del 2018, la Regione Sicilia ha sospeso, per 120 giorni dall'entrata in vigore della presente legge, le autorizzazioni di impianti eolici e fotovoltaici. Tutto ciò al fine di verificare, attraverso un adeguato strumento di pianificazione del territorio regionale, gli effetti sul paesaggio e sull'ambiente correlati alla realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonte eolica o fotovoltaica, a prescindere dalle aree già individuate con decreti del Presidente della Regione, anche con riferimento alle norme comunitarie, fatta salva la compiuta istruttoria delle istanze pervenute.

20/10/2017  -  Con Decreto presidenziale 10 ottobre 2017 sono stati definiti, in Sicilia, i criteri ed individuate le aree non idonee alla realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonte eolica.

22/07/2016  -  Con Delibera della Giunta Regionale n. 241 del 12 luglio 2016 vengono individuate, in Sicilia, le aree non idonee all'installazione degli impianti eolici in attuazione dell'articolo 1 della Lr 20 novembre 2015, n. 29.

27/11/2015  -  Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Sicilia la Legge Regionale n. 29 del 20/11/2015: "Norme in materia di tutela delle aree caratterizzate da vulnerabilità ambientale e valenze ambientali e paesaggistiche". Tale legge stabilisce che con delibera della Giunta, da emettere entro 180 giorni, saranno stabiliti i criteri e sono individuate le aree non idonee alla realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonte eolica di potenza superiore a 20 kW. Vengono inoltre stabilite alcune regole riguardanti la disponibilità giuridica dei suoli interessati alla realizzazione di impianti alimentati da fonti rinnovabili di energia.

05/07/2013  -  Con decreto del 12 giugno 2013 è stato istituito nella regione Sicilia il registro regionale delle fonti energetiche regionali.

DECRETO PRESIDENZIALE 18 luglio 2012, n. 48: Regolamento recante norme di attuazione dell'art. 105, comma 5, della legge regionale 12 maggio 2010, n. 11. (Regolamento in materia di energia da fonti rinnovabili)


14/12/2006  -  Circolare: Impianti di produzione di energia eolica in Sicilia, in relazione alla normativa di salvaguardia dei beni paesaggistici.

Decreto Assessoriale del Territorio e l'Ambiente n. 43 del 10-09-2003 della Regione Sicilia: Direttive per l'emissione dei provvedimenti relativi ai progetti per la produzione di energia mediante lo sfruttamento del vento.

Decreto del 17/05/2006 dell'Assessorato del Territorio e dell'Ambiente della Regione Sicilia: "Criteri relativi ai progetti per la realizzazione di impianti per la produzione di energia mediante lo sfruttamento del sole". Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Sicilia il 01/06/2006.

TOSCANA
06/03/2019  -  Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana la Delibera della Giunta Regionale 25 febbraio 2019, n. 223: "Modifica del Piano Ambientale ed Energetico Regionale (PAER) ai fini della definizione delle aree non idonee per l'installazione di impianti di produzione di energia geotermica in Toscana - Avvio del procedimento ai sensi dell'articolo 17 della l.r. 65/2014". Con tale Delibera viene approvato un documento di avvio del procedimento per la definizione delle aree non idonee, che tengano conto delle caratteristiche e dei vincoli paesaggistici e ambientali insistenti sulle diverse aree della regione.

24/05/2017  -  Pubblicato sul BUR della Regione Toscana la Delibera della Giunta Regionale 15 maggio 2017, n. 516: Approvazione delle Linee Guida per la definizione delle aree non idonee per l'installazione di impianti di produzione di energia geotermica in Toscana.

10/08/2016  -  Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana la Legge Regionale 3 agosto 2016, n. 52: Disposizioni in materia di impianti geotermici. Modifiche alla l.r. 39/2005.

26/02/2016  -  Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana la Legge Regionale 23 febbraio 2016, n. 13: Nuove disposizioni in materia di energia. Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 39, in attuazione della l.r. 22/2015. La Regione, in attuazione della legge 7 aprile 2014, n. 56 (Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni), ha provveduto al riordino delle funzioni esercitate dalle province e dalla Città metropolitana di Firenze prevedendo il trasferimento alla Regione medesima delle competenze in materia di energia, che in precedenza erano svolte dalla provincia.

Legge regionale della Toscana 16 febbraio 2015, n. 17: Disposizioni urgenti in materia di geotermia.

Legge regionale n. 77 del 2013: Legge finanziaria per l'anno 2014. Art. 28: Misure per il sostegno e la promozione di interventi per  la messa in sicurezza sismica, il miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici nonché degli investimenti in energie rinnovabili.

20/02/2013  -  Pubblicata sul BUR della Regione Toscana la Delibera del Consiglio regionale n. 15 del 11 febbraio 2013: Criteri e modalità di installazione degli impianti fotovoltaici a terra e degli impianti fotovoltaici posti su frangisole ai sensi dell'articolo 205 quater, comma 3, della legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1 (Norme per il governo del territorio).

07/12/2012  -  Nella Regione Toscana con Legge regionale n. 69 del 3 dicembre 2012: "Legge di semplificazione dell'ordinamento regionale 2012", contenente modifiche alla Legge regionale n. 39 del 2005 (Disposizioni in materia di energia), vengono apportate modifiche alla normativa riguardante le autorizzazioni degli impianti a fonti rinnovabili.

Legge regionale n. 63 del 2012: Modifiche alla legge regionale 21 marzo 2011, n. 11 (Disposizioni in materia di installazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili di energia. Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 39 "Disposizioni in materia di energia" e alla legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1 "Norme per il governo del territorio").

Deliberazione 22 Ottobre 2012, n.914: Approvazione dello schema di accordo per promuove la diffusione di impianti fotovoltaici sulle coperture degli immobili da parte di Società Esco approvazione del programma di azioni della G.R. emanato ai sensi dell'art. 104 della L.R. 27/12/2011 (Legge Finanziaria per l'anno 2012) - Revoca della D.G.R. 123/2011.

28/12/2011  -  Pubblicata sul BUR della Regione Toscana la Legge regionale n. 66 del 27/12/2011, art.103 e 104: ""Legge finanziaria per l'anno 2012, art. 103 (Fondo di garanzia per investimenti in energie rinnovabili) e art. 104 (Azioni di promozione dell'utilizzo di energie rinnovabili)". Con l'art.103 viene istituito un fondo di garanzia finanziaria per la concessione di prestiti finalizzati alla riqualificazione energetica ed all'installazione di impianti per la produzione di energia elettrica e termica alimentati da fonti rinnovabili. Al fondo accedono i progetti riguardanti edifici pubblici e privati, capannoni industriali, aree a terra pubbliche o private situate nel territorio regionale. Beneficiari sono le persone fisiche, le piccole e medie imprese, gli enti locali, le associazioni e le aziende sanitarie ed ospedaliere.


14/11/2011  -  Pubblicata sul BUR della Regione Toscana la Legge Regionale n. 56 del 2011: Modifiche alla legge regionale 21 marzo 2011, n. 11 (Disposizioni in materia di installazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili di energia. Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 39 "Disposizioni in materia di energia" e alla legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1 "Norme per il governo del territorio").

09/11/2011  -   Pubblicata sul BUR della Regione Toscana la Delibera del Consiglio Regionale n. 68 del 2011: Individuazione delle zone e delle aree non idonee ai sensi dell'articolo 7 della legge regionale 21 marzo 2011, n. 11.

23/03/2011  -  Pubblicata sul BUR della Regione Toscana la Legge Regionale n. 11 del 2011: "Disposizioni in materia di installazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili di energia. Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 39 (Disposizioni in materia di energia) e alla legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1 (Norme per il governo del territorio)".  Tale legge riporta una prima individuazione delle aree non idonee e norme transitorie per l'installazione degli impianti fotovoltaici a terra.

12/03/2014  -  Con Delibera della Giunta regionale della Toscana n. 152 del 03/03/2014 è stato approvato l'accordo per attivita' in materia di efficienza energetica e sviluppo delle rinnovabili nel settore pubblico tra la Regione e la Società Consortile Energia Toscana, in forma abbreviata "C.E.T. S.c.r.l.". Le Parti concordano di dare avvio ad un rapporto di collaborazione finalizzato al perseguimento dei seguenti obiettivi e linee di attività: a) individuare e realizzare sul territorio toscano iniziative e progetti inerenti lo sviluppo delle tematiche dell'efficienza energetica, della sostenibilità ambientale, delle energie rinnovabili, che possano coinvolgere le Pubbliche Amministrazioni con sedi nell'ambito regionale; b) definire quindi un programma di attività rivolto alle Pubbliche Amministrazioni finalizzato a realizzare azioni ed interventi di Efficienza Energetica sugli edifici pubblici e di promozione delle FER. Le azioni così individuate potranno poi confluire nel programma comune di attività previsto dal protocollo di Intesa 18/11/2013 fra Regione e GSE. Le azioni previste riguarderanno in particolare: - l'illuminazione pubblica e illuminazione interna edifici pubblici, la cogenerazione e trigenerazione, il teleriscaldamento, le fonti rinnovabili, la telegestione di sistemi energetici, l'efficientamento dei sistemi climatizzanti, l'installazione di sistemi elettronici di regolazione di frequenza nei motori elettrici, i sistemi passivi (schermature, infissi, ecc…).

TRENTO
03/06/2015  -  Pubblicato sul BUR della Regione Trentino-Alto Adige la Delibera n. 836 del 18/05/2015 della Provincia di Trento: "Attuazione del Piano energetico ambientale provinciale 2013-2020: approvazione dei criteri per la formazione del Piano degli investimenti nel settore dell'Energia per la XV Legislatura". Il Piano di investimenti prevede tipologia di interventi e ordine di priorità come segue: a) nuovi impianti di teleriscaldamento realizzati utilizzando il calore recuperato da processi di vario genere in impianti esistenti; b) ampliamenti di impianti di teleriscaldamento esistenti alimentati a biomassa; c) nuovi impianti di teleriscaldamento alimentati a biomassa; d) altre tipologie.

Delibera n.1826 del 27 ottobre 2014: "Attuazione Piano Energetico Ambientale Provinciale 2013-2020: ricognizione dei quantitativi di cippato disponibile per usi energetici e criteri per il finanziamento di nuovi impianti di utilizzazione".

04/10/2012  -  Pubblicata sul BUR la Legge provinciale n. 20/2012: "Legge provinciale sull'energia e attuazione dell'articolo 13 della direttiva 2009/28/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 aprile 2009 sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili". 

Legge Provinciale di Trento n. 12 del 25/07/2008: Iniziative di sostegno alla produzione e all'utilizzo ecologico di biomassa legnosa per scopi energetici. Pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Trentino Alto Adige del 5 agosto 2008.

UMBRIA
15/05/2019  -  Pubblicata sul BUR della Regione Umbria la Delibera della Giunta Regionale n. 578 del 06/05/2019: "Atto di indirizzo per il coordinamento delle procedure di Autorizzazione Unica e Autorizzazione Integrata Ambientale per la costruzione e l'esercizio degli impianti di produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili e per gli impianti alimentati a fonti fossili in regime di cogenerazione, non soggette a Valutazione di Impatto Ambientale - Approvazione". Con il presente atto, analogamente con quanto già disciplinato con la Deliberazione 1432/2016, si intende chiarire il quadro normativo e agevolare l'azione amministrativa con riferimento alle istanze per la costruzione e l'esercizio degli impianti di produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili e di quelli di cogenerazione di potenza termica inferiore ai 300 MW che contemplano contestualmente procedure di Autorizzazione Unica e di Autorizzazione Integrata Ambientale.

06/02/2019  -  Pubblicata sul BUR della Regione Umbria la Legge regionale n. 52 del 21 gennaio 2019: "D.Lgs. 387/2003, D.Lgs. 28/2011 D.M. 10 settembre 2010, R.R. 7/2011 - Specificazioni in materia di cauzione a garanzia della esecuzione degli interventi di dismissione e delle opere di messa in pristino relative agli impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Tale legge regionale chiarisce il quadro normativo, agevola l'economicità dell'azione amministrativa, nonché concorrere alla semplificazione degli adempimenti formali per le imprese, specificando le modalità di presentazione della cauzione di cui all'art. 4 comma 4 del Regolamento Regionale 7/2011.

02/05/2018  -  Pubblicata sul BUR della Regione Umbria la Delibera della Giunta Regionale n. 352 del 16 aprile 2018: "Legge n. 35/2012, art. 14 - D.G.R. n. 359/2015 - Piano operativo dei controlli degli impianti di produzione di energia alimentati da fonti rinnovabili di competenza regionale - Approvazione". Il Piano disciplina le attività inerenti i controlli sugli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili di competenza regionale, cioè su quelli autorizzati con Autorizzazione Unica ai sensi dell'art. 12 comma 3 del D.Lgs. 387/2003.  I controlli di cui al presente Piano non comprendono né sostituiscono quelli di competenza del GSE e sono riferiti alla verifica del rispetto del progetto approvato e delle prescrizioni dettate in sede di rilascio di Autorizzazione Unica ai sensi dell'art. 12 comma 3 del D.Lgs. 387/2003.

21/12/2016  -  Pubblicata sul BUR della Regione Umbria la Delibera della Giunta Regionale 5 dicembre 2016, n. 1432 "Atto di indirizzo per l'uniforme applicazione delle procedure semplificate per la costruzione e l'esercizio degli impianti di produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili".

Delibera Giunta Regionale n. 40 del 23-1-2012: Art. 12 R.R. 7/2011. Modifiche e integrazioni agli allegati. Ulteriori aree non idonee.


05/08/2011  -  La Regione Umbria ha delineato una strategia di sviluppo a breve termine per la produzione di energia da fonti rinnovabili con una previsione di crescita che permetta il raggiungimento, nel 2020, dell'obiettivo europeo fissato per l'Italia pari al 17% di energia rinnovabile rispetto al consumo finale. Tale strategia é stata approvata con D.G.R. 29 luglio 2011, n. 903. La Regione Umbria, inoltre, a supporto di tale strategia e recependo sia il decreto 10 settembre 2010 che il decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28, ha declinato un regolamento che disciplina le procedure amministrative per l'installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili ed individua, inoltre, le aree e i siti non idonei alla installazione di specifiche tipologie di impianti. La suddetta disciplina é stata approvata con R.R. 29 luglio 2011, n. 7. 

VALLE D'AOSTA
09/06/2015  -  Pubblicata sul BUR della Regione Valle d'Aosta la Legge regionale n. 13 del 25 maggio 2015: "Disposizioni per l'adempimento degli obblighi della Regione autonoma Valle d'Aosta derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea. Attuazione della direttiva 2006/123/CE, relativa ai servizi nel mercato interno (direttiva servizi), della direttiva 2009/128/CE, che istituisce un quadro per l'azione comunitaria ai fini dell'utilizzo sostenibile dei pesticidi, della direttiva 2010/31/UE, sulla prestazione energetica nell'edilizia e della direttiva 2011/92/UE, concernente la valutazione dell'impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati (Legge europea regionale 2015)". Tra le altre cose tale legge disciplina le modalità per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di risparmio energetico, di efficienza energetica e di sviluppo delle fonti rinnovabili, in conformità alla normativa europea e statale vigente in materia di energia e di cambiamenti climatici. Vengono inoltre aggiornate le procedure per la Valutazione Ambientale Strategica.

14/08/2012  -  Pubblicata sul BUR della Regione Valle d'Aosta la Legge Regionale n. 26 del 1 Agosto 2012:  Disposizioni regionali in materia di pianificazione energetica, di promozione dell'efficienza energetica e di sviluppo delle fonti rinnovabili.

VENETO
22/05/2018  -  Con Delibera della Giunta regionale del Veneto n. 617 del 8 maggio 2018 è stata revocata la  Delibera della Giunta regionale n. 1908 del 29.11.2016 avente ad oggetto la "Classificazione ambientale dei generatori di calore alimentati con biomassa legnosa, ai fini dell'adozione di misure per il miglioramento della qualità dell'aria". Tale revoca si è resa necessaria in seguito all'approvazione da parte del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Decreto Ministeriale 7 novembre 2017 n. 186 "Regolamento recante la disciplina dei requisiti delle procedure e delle competenze per il rilascio di una certificazione dei generatori di calore alimentati a biomassa combustibili solide" entrato in vigore il 2 gennaio 2018.

05/04/2018  -  Con Sentenza n. 69/2018 la Corte Costituzionale ha bocciato due commi dell'articolo 111 della legge regionale n. 30/2016 (Collegato alla legge di stabilità regionale 2017) con cui il Veneto aveva introdotto alcune limitazioni alla realizzazione di impianti energetici a biomassa, a biogas, gas di discarica e di processi di depurazione riguardanti le distanze minime da rispettare nel caso di impianti a biomassa, a biogas e gas di discarica e di processi di depurazione rispetto alle residenze civili sparse e concentrate.

30/12/2016  -  Pubblicata sul BUR della Regione Veneto la Legge Regionale n. 30 del 30 dicembre 2016, che all'art. 111, contiene alcune limitazione riguardanti gli impianti energetici a biomassa, gli impianti energetici a biogas e gas di discarica e di processi di depurazione di potenzialità uguale o superiore a 999 kW elettrici. Tutti i manufatti che costituiscono gli impianti per la produzione di energia alimentati da biogas e da biomasse  devono essere collocati ad una distanza pari a 150 metri dalle residenze civili sparse e 300 metri da centri abitati per gli impianti sopra i 1.000 kW elettrici di potenza. Tali valori salgono rispettivamente a 300 e 500 metri per gli impianti sopra i 3.000 kW elettrici di potenza.

13/12/2016  -  Pubblicata sul BUR della Regione Veneto la Delibera della Giunta Regionale n. 1908 del 29 novembre 2016: "Classificazione ambientale dei generatori di calore alimentati con biomassa legnosa, ai fini dell'adozione di misure per il miglioramento della qualità dell'aria". La classificazione ambientale approvata con il presente provvedimento è mirata all'individuazione delle prestazioni energetiche ed emissive dei generatori di calore alimentati con biomassa legnosa aventi una potenza termica inferiore a 35 kW ed è finalizzata all'attuazione di misure temporanee per il miglioramento della qualità dell'aria ed il contrasto all'inquinamento locale.

20/10/2015  -  Pubblicata sul BUR della Regione Veneto la Delibera della Giunta Regionale n. 1264 del 28 settembre 2015: "D. Lgs. 29 dicembre 2003, n. 387, art. 12. Autorizzazione unica alla costruzione e gestione di impianti idroelettrici. Art. 70 della L.R. 27/2003. Disposizioni relative agli oneri connessi alle procedure espropriative." Con tale delibera si stabilisce che gli oneri derivanti dall'esercizio delle funzioni di Autorità espropriante da parte delle Province, ai sensi dell'art. 70 della L.R. 7 novembre 2003, n. 27, per quanto attiene le procedure espropriative delle aree interessate dalla realizzazione di impianti idroelettrici ex art. 12 del D.Lgs. 29 dicembre 2003, n. 387, non di competenza regionale, sono totalmente a carico del privato proponente.

13/06/2014  -  Pubblicata sul BUR della Regione Veneto la Delibera della Giunta Regionale n. 725 del 27 maggio 2014: "Interventi di modifica degli impianti di produzione di energia alimentati da fonti energetiche rinnovabili (biogas, biomasse), provenienti da produzioni agricole, forestali e zootecniche, prive di emissioni atmosferiche significative. Disposizioni procedurali per limitate variazioni, in corso d'opera e d'esercizio, di carattere meramente tecnico-dimensionale ai sensi del comma 3, articolo 5 del D. Lgs. 3 marzo 2011, n. 28. Disposizioni procedurali per il rilascio del titolo abilitativo agli impianti di produzione di biometano, ai sensi dell'articolo 8 del D. Lgs. 3 marzo 2011, n. 28".

Delibera del Consiglio Regionale n. 42 del 03/05/2013: Approvazione della proposta della Giunta Regionale del 31 luglio del 2011: "Individuazione delle aree e dei siti non idonei all'istallazione di impianti idroelettrici. Decreto Ministeriale 10 settembre 2010. Articolo 33, comma 3, lettera q) dello Statuto regionale. (Proposta di deliberazione amministrativa n. 53).".

Delibera del Consiglio Regionale n. 38 del 02/05/2013: Approvazione della proposta della Giunta Regionale del 7 agosto del 2012: "Individuazione delle aree e dei siti non idonei alla costruzione e all'esercizio di impianti per la produzione di energia alimentati da biomasse, da biogas e per produzione di biometano, ai sensi del paragrafo 17.3 delle "Linee guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili" emanate con il Decreto del Ministro dello sviluppo economico 10 settembre 2010".

Delibera della Giunta Regionale n. 587 del 15/5/2012: Disposizioni in materia di autorizzazione di impianti solari fotovoltaici'. Indicazioni operative, schemi di modulistica. Modifica ed integrazione DGR n. 1270/2011.

12/04/2012  -  La Corte Costituzionale, con sentenza n. 85 del 2012, dichiara l'illegittimità costituzionale dell'articolo 4, comma 1, della legge della Regione Veneto 18 marzo 2011, n. 7 (Legge finanziaria regionale per l'esercizio 2011).

Legge regionale n. 13 del 08/07/2011: Modifiche alla legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 "Intervento regionale a sostegno del settore edilizio e per favorire l'utilizzo dell'edilizia sostenibile e modifiche alla legge regionale 12 luglio 2007, n. 16 in materia di barriere architettoniche" e successive modificazioni, alla legge regionale 23 aprile 2004, n. 11 "Norme per il governo del territorio e in materia di paesaggio" e successive modificazioni e disposizioni in materia di autorizzazioni di impianti solari e fotovoltaici.

22/03/2011 - La Legge finanziaria regionale del Veneto, all'art. 4 comma 1, riporta che fino a non oltre il 31/12/2011 non possono essere rilasciate autorizzazioni alla realizzazione ed all'esercizio di impianti fotovoltaici a terra in area agricola di potenza di picco superiore a 200 kWp, di impianti di produzione di energia alimentati da biomassa di potenza elettrica superiore a 500 kWe, nonché di quelli alimentati a biogas e bioliquidi di potenza elettrica superiore a 1.000 kWe.

26/01/2010  -  Pubblicata sul BUR della Regione Veneto la Legge Regionale n. 10/2010 che contiene: "Disposizioni in materia di autorizzazioni e incentivi per la realizzazione di impianti solari termici e fotovoltaici sul territorio della Regione del Veneto".

26/05/2009  -  La Delibera della GR della Regione Veneto n. 1192 del 2009 aggiorna le procedure di competenza regionale per l'autorizzazione all'installazione ed esercizio di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.

19/05/2009  -  Delibera della GR della Regione Veneto n. 1391 del 2009 - Dgr n. 2204/2008 e n. 1192/2009. Disposizioni procedurali per il rilascio dell'autorizzazione alla costruzione e all'esercizio di impianti di produzione di energia da biomassa e biogas da produzioni agricole.

09/06/2009  -  Delibera della GR della Regione Veneto n. 1609 del 2009  -  Impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili - Impianti idroelettrici. Disposizioni procedurali.

09/06/2009  -  Delibera della GR della Regione Veneto n. 1610 del 2009  -  Impianti di produzione di energia elettrica su derivazioni esistenti. Chiarimenti e indirizzi tecnico operativi.

04/08/2009  -  Delibera della GR della Regione Veneto n. 2373 del 2009  -  Disposizioni procedurali per il rilascio dell'autorizzazione alla costruzione e all'esercizio di impianti di produzione di energia elettrica, eolici e fotovoltaici.

08/08/2008  -  La Delibera della GR
della Regione Veneto n. 2204 del 2008 impartisce disposizioni organizzative per l'autorizzazione, installazione ed esercizio degli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.

Legge regionale n. 8 del 30-06-2006: Iniziative di sostegno alla produzione e all'utilizzo di biomasse legnose per scopi energetici.

Legge regionale Veneto n. 14 del 02-05-2003: Interventi agro-forestali per la produzione di biomasse. Bollettino ufficiale della regione Veneto n. 45 del 6 maggio 2003.